Un Museo di Storia della Didattica nel Municipio 13

Allestito dal 2006 presso la Succursale dell’Istituto di Istruzione Superiore “Luigi Einaudi”
Giorgio Giannini - 3 Dicembre 2022

Dal 2006 è stato allestito presso la Succursale dell’Istituto di Istruzione Superiore (Istituto Professionale di Stato per i Servizi Commerciali ed Istituto Tecnico Statale per il Turismo) “Luigi Einaudi” di Roma, un Museo di Storia della Didattica.

In precedenza alcuni docenti avevano chiesto di esporre i “vecchi” strumenti didattici (macchine da scrivere e da calcolo, audio registratori, i primi Personal Computer…), conservati in magazzino nella Sede Centrale di Via Santa Maria alle Fornaci 1 (vicino a San Pietro).

Il 30 aprile 2005, essendo Docente nell’Istituto dal 1981, proposi al Preside, Prof. Giuseppe Misiti, di istituire nella Succursale di Via Giorgio del Vecchio n. 42 (Val Canuta) un Museo di Storia della Didattica, mettendo subito a disposizione, con un contratto di Comodato, alcune centinaia di testi scolastici antichi, in parte di mia proprietà (acquistati nel corso degli anni in vari mercatini), pubblicati tra il XVIII ed il XX secolo (il più antico, è un volume del Corso di Belle Lettere di Mons. Batteaux, pubblicato a Venezia nel 1784) ed in parte di proprietà del Geom. Salvatore Paolozzi, un mio amico d’infanzia, oltre a materiale vario di “oggettistica” scolastica (soprattutto quaderni).

Pochi giorni dopo, il 4 maggio 2005, il Consiglio di Istituto ha deciso la costituzione del Museo nella Succursale.

Pertanto nell’anno scolastico 2005-2006 è stato allestito il Museo nella Succursale di Via Giorgio del Vecchio 42, dopo aver acquistato gli armadi metallici, per esporre i “vecchi” strumenti didattici (le macchine da scrivere e da calcolo, gli audio registratori-utilizzati dai docenti di lingue- ed i primi Personal Computer), e le vetrine in legno, per esporre i testi scolastici antichi e l’oggettistica scolastica.

L’esistenza del Museo è stata pubblicizzata con due miei articoli pubblicati su giornali locali, distribuiti gratuitamente, quali Il Pungolo (nel giugno 2005) e la Piazza dell’Aurelio (nel settembre 2005), invitando i cittadini e le scolaresche a visitarlo, previo appuntamento telefonico. Purtroppo l’obiettivo non è stato raggiunto.

Il 9 febbraio 2007 il Preside, Prof. Misiti, ha chiesto il Patrocinio del Museo al Municipio 13, su mia proposta dato che ero Consigliere da una dozzina di anni per i Verdi. Il patrocinio è stato concesso pochissimi giorni dopo, il 13 febbraio, dalla Presidente del Municipio, Maria Giovanna Filardi.

Purtroppo, nonostante la concessione del Patrocinio, il Museo non è stato conosciuto adeguatamente dai cittadini e dalle scolaresche per cui è stato “dimenticato”, anche se ho continuato a pubblicizzarlo anche dopo che non ero più Consigliere municipale dal 2008 ed ero andato in pensione nel settembre 2009.

Adotta Abitare A

Finalmente, dopo vari anni, all’inizio dell’anno scolastico 2017-2018, la nuova Dirigente Scolastica dell’Istituto L. Einaudi, Prof.ssa Diana Guerani, ha proposto al Municipio 13 la stipula di una Convenzione per valorizzare adeguatamente il Museo, aprendolo alle visite dei cittadini e delle scolaresche due giorni la settimana, con  studenti del Corso per il Turismo che facevano da “guide”, nell’ambito del Progetto di Alternanza Scuola-Lavoro, dopo aver frequentato un corso di formazione specifico.

La Presidente del Municipio 13 Giuseppina Castagnetta ha accolto dopo pochi giorni (il 21 settembre 2017) la proposta di Convenzione e nel mese di ottobre è stata posta all’ingresso della Succursale una targa che pubblicizza l’esistenza del Museo.

Purtroppo anche questa volta lo scopo di far conoscere il Museo non è stato raggiunto. Ci auguriamo che il Museo possa essere valorizzato al più presto, soprattutto se il Municipio 13 decide di impegnarvi i 10.000 euro ricevuti dal Comune per il progetto dei Musei Diffusi.

 

LE SEZIONI DEL MUSEO

 

Il Museo si compone delle seguenti Sezioni:

LA SEZIONE DEI TESTI SCOLASTICI

Questa Sezione è la più interessante per la qualità e la quantità dei testi acquisiti, che riguardano tutte le materie. Particolarmente numerosi sono i libri di Letteratura (compresi numerosi testi di “classici”), di Storia e di Latino, in uso dalla fine dell’Ottocento fino alla metà del Novecento.

Ci sono anche numerosi libri in uso nelle Scuole Elementari.

C’è’ anche una interessante raccolta del Bollettino del Ministero della Pubblica Istruzione, dagli anni venti fino agli anni cinquanta del Novecento, di proprietà dell’Istituto.

LA SEZIONE DELLE MACCHINE

Questa Sezione comprende vari strumenti utilizzati in passato per la didattica:

  • numerose Macchine da scrivere, di vario tipo, sia manuali che elettriche;
  • alcuni Audio registratori, di vario tipo, per l’insegnamento delle lingue;
  • numerosi Personal Computer, di diversi modelli, con Video e Stampanti;
  • alcune Lavagne Luminose portatili;
  • due Proiettori per filmati, con documentari sull’Arte e la Geografia;
  • tre Proiettori portatili, con numerose diapositive sulla Storia dell’Arte;
  • un Ciclostile manuale.

LA SEZIONE DELLA OGGETTISTICA SCOLASTICA

Questa Sezione comprende molti strumenti utilizzati in passato dagli studenti (quaderni, astucci, calamai, compassi, segnalibri, tamponi ad inchiostro. Particolarmente ricca è la collezione di Quaderni, alcuni dei quali risalenti agli anni trenta del Novecento (quindi del periodo fascista), scritti in bella grafia.

LA SEZIONE MISCELLANEA

Questa Sezione comprende interessante materiale didattico, utilizzato dai docenti per l’insegnamento di varie materie: Chimica (alcune cassette con minerali e rocce e molte ampolle di vetro per gli esperimenti); Merceologia (alcune cassette con vari tipi di merci e di prodotti); Geografia e Storia dell’Arte (alcuni filmati con documentari e molte diapositive); Musica (un diapason).

La Sezione comprende inoltre alcuni Arredi Scolastici in legno (lavagna, scrivania, armadio, vetrina, tavolino…) e vecchie Carte Geografiche.

 

Giorgio Giannini


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti