Un’Anagrafe Nazionale delle biciclette contro i furti

La proposta è di Giovanni D'Agata del dipartimento Tutela del Consumatore di Italia dei Valori
di C.T. - 9 Dicembre 2008

“L ’uso della bicicletta è disincentivato anche dai troppi furti e dalla facilità con cui le stesse vengano rimesse sul ‘mercato’ anche tramite la rete – sostiene Giovanni D’Agata, componente del Dipartimento Tematico “Tutela del Consumatore” di Italia dei Valori – propongo la creazione di una Anagrafe Nazionale delle biciclette. Ritengo che attraverso la punzonatura sul telaio di un apposito codice alfanumerico e la registrazione in una banca dati nazionale, potrebbe costituire un primo semplice deterrente per porre un argine al fenomeno.”

“Secondo numerose statistiche il fenomeno del furto delle biciclette è in costante aumento tra i reati contro il patrimonio: circa 2,7 in ogni città – prosegue D’Agata – nella gran parte dei casi tali furti non vengono denunciati per svariate ragioni; tra le principali va segnalata l’impossibilità per il cittadino di offrire validi elementi di identificazione della bicicletta. Peraltro le denunce rese innanzi alle Autorità di Pubblica Sicurezza pur così numerose, descrivono solo una parte del fenomeno che per percezione comune è molto più diffuso perché in gran parte sommerso.
Data la facilità con la quale i velocipedi vengono rimessi in commercio, anche per la costante diffusione dell’ “e-commerce”, ossia della vendita on-line di beni anche usati, si rende sempre più necessaria la creazione di un’”Anagrafe Nazionale” delle biciclette sul modello dei Pubblici Registri Automobilistici.”

“Ogni giorno tanti cittadini che hanno scelto questi veicoli come mezzi di locomozione patiscono questo danno che ne dissuade tanti altri che potrebbero utilizzarli per i loro spostamenti quotidiani – conclude D’agata – come da una parte sono indiscutibili i benefici individuali e collettivi legati alla diffusione della bicicletta come mezzo di trasporto, dall’altra è evidente la difficoltà a porre efficaci iniziative di contrasto al fenomeno dell’aumento dei ‘ladri di biciclette’.”

Farmacia Federico consegna medicine

Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti