Categorie: Degrado Politica
Municipi: | Quartiere:

Villa De Sanctis sopralluogo della Commissione Lavori Pubblici

In largo S. Gerardo Maiella per verificare lo stato di degrado. Pronta una Mozione che dovrebbe essere portata in aula prima della sospensione estiva    

Mentre il CdQ di Villa de Sanctis non ha ancora ricevuto risposta alla richiesta di un incontro e sopralluogo del Quartiere inoltrata al Presidente del Consiglio Mauro Caliste, oggi 4 agosto si è riunita in largo S. Gerardo Maiella la Commissione LLPP in forma mista, in presenza con il Presidente Butitta, i consiglieri Pietrosanti e Piattoni e il Vice Presidente Piccardi richiedente tra l’altro di questo sopralluogo.

Piccardi sarà proponente di una Mozione e che speriamo riguardi tutto il Quartiere di Villa De Sanctis, una mozione la cui discussione avverrà già da oggi con i commissari che hanno seguito i lavori online e per approdare nei prossimi giorni in aula consiliare.

Noi di AbitareA che abbiamo seguito i lavori possiamo mostrare indici chiari ed inequivocabili di un degrado ed abbandono che spesso abbiamo portato anche nell’aula consiliare e in alcune audizioni ottenute grazie al presidente Butitta.

I commissari sono rimasti a dir poco sorpresi dallo stato di abbandono e di cui largo Maiella ne è solo un fotogramma.  Sul posto comunque in primo piano un Monopattino elettrico cannabalizzato, la vandalizzazione della recinzione a quella delle panchine.

Inoltre in una piazza lercia per il mancato spazzamento che si protrae ormai da settimane abbiamo potuto fotografare i nuovi cestini getta rifiuti posizionati al posto di quelli in ghisa rimossi recentemente da AMA.

Speriamo che i Commissari nel ritirarsi nella sede municipale di via di Torre Annunziata abbiamo preso (da un intervento online abbiamo già sentito che il Commissario Piattoni già lo ha fatto) nota di un quartiere soffocato da rifiuti, di vegetazione tagliata con all’interno carta c’è e rifiuti a farne poi un tappeto, erbe infestanti sui marciapiedi ammalorati e per lunghi tratti quasi vietati ai pedoni tanti sono le buche, avvallamenti e dossi e aree verdi stradali con erba secca alta più di un metro.

In ultimo segnaliamo il parco Filippo Teoli dove una struttura costata oltre 40.000 euro rischia di scomparire per sempre prima ancora di essere stata utilizzata, ma si sa, tanto a pagare è sempre pantalone.

Attraverso le foto e il breve video i cittadini possono constatare come, per assenza di capacità politica e di programmazione, prima del municipio VI e poi dal 2013 con l’accorpamento dei Municipi, del V e soprattutto di chi ha gestito il Comune dagli anni 2000 in poi, ha responsabilità precise nell’aver ridotto in questa situazione un Quartiere frutto del PdZ Casilino 23, ritenuto un fiore all’occhiello dell’Urbanistica romana e che non meritava una così triste fine.

QUI IL REPORTAGE FOTOGRAFICO 

Adesso comunque aspettiamo di conoscere i contenuti della mozione annunciata, del pronunciamento dell’aula consiliare e soprattutto di interventi antidegrado.


Questo articolo è stato utile o interessante?
Sostieni Abitarearoma clicca qui! ↙

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi un commento