Sport  

A.s. Roma, sanzione e curve chiuse per cori razzisti

Redazione - 18 Dicembre 2013

Sono costati cari alla Roma i cori razzisti intonati nel corso della trasferta Milan Roma. “Rossoneri squadra di neri” e i “Buu” verso Balotelli hanno portato il Giudice Sportivo a sanzionare in più modi la società.

Una multa di € 50.000,00 e l’obbligo di disputare due gare con il settore “Curva Sud” privo di spettatori ed uno con la Curva Nord chiusa. La Curva Sud dovrebbe restare chiusa per la prossima giornata (Roma-Catania) ed entrambe le curve nella partita contro il Genoa.

Intanto su internet circola un video che scagionerebbe la Roma. Nel filmato si sentirebbero i tifosi giallorossi intonare un “rossoneri carabinieri” diverso dal “rossoneri curva di neri”. Per questo il club giallorosso avrebbe deciso di ricorrere contro la squalifica.

«La chiusura della Curva sud è intollerabile. Lo dichiara il Presidente del Pd di Roma in una nota rilasciata sulla sua pagina facebook.
“Come sostiene l’avv. Rulli è “una misura che dovrebbe colpire 1000 persone per un comportamento ingiustificabile tenuto a Milano si applica a 10000 persone (che non necessariamente comprendono quelle prime mille) a Roma.

Del danno morale patito da Balotelli si gioveranno la Federcalcio (ammenda) e il Catania (curva chiusa). I tanti che non hanno mai fatto un coro razzista non potranno andare allo stadio e perderanno, per la seconda volta, dei soldi!”. Sono cresciuto con i poster di Martin Luther King e del podio di Smith e Carlos in camera, sono abbonato all’A.S. Roma in Curva sud da anni, non ho mai fatto un coro razzista, nemmeno i miei tanti vicini di posto, anzi, rimproveriamo chi li fa anche a costo di essere guardati male da altri.

E lo ribadisco, Balotelli ha un carattere insopportabile, è un simulatore, è superbo e arrogante, può essere fischiato per questo, ma le sue origini, la sua fede, il suo orientamento sessuale, non c’entrano nulla e chi insulta o chi si fa gli insopportabili ululati razzisti, per qualunque tipo di discriminazione lo faccia e contro chiunque lo faccia, deve essere sanzionato molto più pesantemente e allontanato dagli stadi. Ma questa chiusura è ingiusta proprio perché colpisce i più deboli, i tifosi che credono nel calcio, in un’idea di curva differente, popolata da tanti colori. Questa misura toglie la voce a quelli come noi, sposta l’attenzione, alimenta una contrapposizione sbagliata tra istituzioni e amanti del calcio e toglie la forza a chi vuole combattere da dentro un problema reale che in questo modo non si risolverà mai.»

Ecco il video che scagionerebbe la Roma:


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti