Beta-carotene chi era costui?

Un pigmento la cui azione antiossidante protegge dai tumori, dalle malattie cardiovascolari e dall'invecchiamento
Dott. Emanuele Fanella, Biologo Nutrizionista - 13 Luglio 2017

Beta-carotene chi era costui?

Il beta-carotene è un pigmento arancione contenuto in molte varietà di frutta e verdura a cui conferisce un colore che varia dal giallo al rosso. Ne sono particolarmente ricchi frutti come le albicocche, i cachi, i meloni, le pesche, le arance e verdure come le carote, i pomodori, la zucca gialla, i peperoni rossi ma anche verdure a foglia verde come gli spinaci, i broccoli, le rape e la cicoria.

Il beta-carotene, giunto nell’intestino, viene convertito in parte in vitamina A, una sostanza fondamentale per la salute della pelle e degli occhi, e il resto viene assorbito e immagazzinato come tale.

Numerosi studi hanno confermato che una alimentazione ricca di frutta e verdura è in grado di offrire un certo grado di protezione nei confronti delle malattie cardiovascolari e di alcuni tipi di tumore. Gli effetti benefici di questo tipo di dieta sono stati attribuiti ad una elevata assunzione di vitamine e sostanze ad azione antiossidante naturalmente presenti in questi alimenti (beta-carotene, vitamina C, vitamina E, selenio). Le sostanze antiossidanti avrebbero infatti la capacità di neutralizzare almeno in parte i “radicali liberi”, prodotti di scarto che si formano costantemente nel corso delle reazioni cellulari e capaci, attraverso reazioni chimiche definite ossidazioni, di danneggiare cellule e tessuti dell’organismo.

Il beta-carotene assunto per bocca si deposita in parte nel tessuto adiposo e nella cute conferendo un caratteristico colore arancione dorato alla pelle. Di conseguenza, la sostanza è stimolante per l’abbronzatura; una integrazione a base di beta-carotene può essere consigliata a chi ha la pelle molto chiara.

Per approfondimento: https://www.facebook.com/BONUMVITAENUTRIZIONE


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti