Caso Basf: i Comitati di Quartiere si oppongono all’inceneritore

I cittadini lamentano cattivi odori e rumori. Inoltre secondo una recente relazione dell'Arpa Lazio, l'inceneritore avrebbe superato i limiti dei valori medi delle emissioni
di A.M. - 23 Maggio 2008

Il Comitato di Quartiere di Ponte di Nona ha organizzato per Sabato 24 maggio, alle ore 17 in Piazza Muggia, un’ assemblea per contestare l’inceneritore della BASF ed ottenere dalla Provincia la (più volte promessa ma mai realizzata) delocalizzazione della fabbrica chimica ex Enghelhard di via di Salone.

All’ assemblea parteciparanno anche il Presidente di Legambiente Lazio, Lorenzo Parlati ed i rappresentanti dei Comitati di Case Rosse e Settecamini.

Il monitoraggio dei fumi emessi dall’inceneritore della BASF, effettuato per lungo periodo, avrebbe evidenziato il superamento dei limiti dei valori medi delle emissioni in una recente relazione dell’ARPA LAZIO. I dati ufficiali disponibili forniti dall’Azienda invece non evidenzierebbero valori di inquinamento significativi a suo carico e ciò potrebbe rappresentare un valido motivo per concedere l’AIA.

In merito a ciò, nella pratica presentata alla Provincia, la BASF così si è espressa:
Odori: “Nessun odore viene percepito all’esterno degli edifici o all’esterno dello stabilimento e le segnalazioni dei residenti non hanno mai trovato sostanziali riscontri”.

I C.d.Q. chiedono aiuto agli abitanti della zona per contestare quei dati, in particolare quello relativo ai cattivi odori dando la loro testimonianza "circonstanziata". Allo scopo è stata preparata per i residenti, anche, una scheda ad hoc di monitoraggio degli odori e dei rumori della zona.  

Tutti i cittadini, compresi quelli di Case Rosse e Settecamini e Setteville, sono stati invitati a partecipare all’incontro. Intanto, i  Comitati e Legambiente hanno, già inviato una Lettera al Sindaco di Roma e al Presidente della Provincia affinchè esprimano parere negativo alla concessione dell’AIA per l’inceneritore. 

Ulteriori info: www.sitotiburtina.altervista.org/


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti