Fiorentina-Roma 1-4, le pagelle

Pellegrini splende più di tutti. Tra i top anche Zaniolo e Dzeko. Caceres il peggiore
Gianluigi Polcaro - 21 Dicembre 2019

FIORENTINA-ROMA

FIORENTINA: Dragowski 5; Milenkovic 5, Pezzella 5,5, Caceres 4,5; Lirola 5 (dal 83′ Sottil s.v.), Badelj 6,5, Pulgar 5, Castrovilli 6 (dal 83′ Eysseric s.v.), Dalbert 5,5; Boateng 5,5 (dal 66′ Pedro 5), Vlahovic 6,5.  All. Montella 4,5

ROMA:

Pau Lopez 6: Non corre mai grossi rischi. Sul gol è incolpevole

Florenzi 6: Continua la sua ripresa. E’ più attento a livello difensivo e supporta discretamente la manovra

Mancini 7: Grande carattere, i suoi anticipi sono preziosi e impeccabili

Smalling 7: La sua preponderanza fisica va di pari passo alla sua grandezza difensiva. Un leader

Kolarov 7: Sul gol dei viola ha le maggiori responsabilità e anche in altre occasioni a livello difensivo pecca per posizionamenti sbagliati, ma il suo gol è classe pura e per i campioni come lui basta un minuto per cambiare le sorti di una gara

Diawara 6,5: Inserito, ormai, in pianta stabile da titolare, è divenuto un punto di riferimento del centrocampo, sia in fase di recupero,  che in fase di costruzione del gioco

Veretout 6,5: Un po’ in ombra, ma sempre molto prezioso per l’equilibrio del centrocampo

Zaniolo 7,5: Sulla fascia è devastante e i fraseggi con i compagni sono qualcosa di delizioso. Schianta Caceres e qualunque cosa si trovi sulla sua strada. Assist per la rete di Dzeko e gol del 4-1 magistrale

(dal 90′ Spinazzola) s.v.

Pellegrini 8,5: Una prestazione da campione e leader vero. Sta diventando l’anima di questa squadra. Recupera palloni e dà l’accelerazione giusta con le sue avanzate per vie centrali. I suoi assist e i suoi passaggi intelligenti sono della miglior scuola romana (Bernardini, Giannini, Totti). Sigilla la sua prestazione con una gran bel gol

(dal 86′ Under) s.v.

Perotti 6,5: Ritorna ai suoi livelli, sempre nel vivo del gioco. Si accentra spesso per duettare con Dzeko o Pellegrini

(dal 76′ Mkhitaryan) s.v.

Dzeko 7,5: Sblocca subito il match trasformando in rete l’assist di Zaniolo. Punto di riferimento della squadra, smista numerosi palloni ai compagni

All. Fonseca 7,5: E’ il direttore d’orchestra di una squadra con meccanismi ben oliati, anche se c’è ancora qualche sbavatura in difesa. Ha saputo imporre il proprio gioco a una Fiorentina in crisi di identità, che non ha avuto scampo di fronte alla convinzione di Pellegrini e compagni

Arbitro: Orsato 6: Meno protagonista del solito, lascia scorrere una partita dai ritmi elevati e bella da vedere


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti