Foschi: grazie al dialogo allarme cessato su chiusura del Sant’Eugenio

L'assessorato regionale alla Sanità ha risposto positivamente all'appello per il mantenimento del reparto oncologia
Enzo Luciani - 10 Marzo 2007

Allarme cessato per il reparto di oncologia dell’ospedale Sant’Eugenio di Roma. La regione Lazio, infatti, con l’assessorato alla Sanità, in particolare, ha risposto il 7 marzo scorso in maniera positiva all’appello lanciato da più parti per scongiurare la chiusura di un’unità operativa fondamentale per la cura dei pazienti che, di fatto, non avrebbero più potuto essere seguiti dallo staff medico di riferimento, nel decorso post-operatorio.

Ad esprimere la propria soddisfazione Enzo Foschi, consigliere Ds-Ulivo alla regione Lazio, che nei giorni scorsi ha presentato in merito un’interrogazione al consiglio regionale ed Andrea Gargano, consigliere del XII municipio di Roma, che in un ordine del giorno aveva espresso la sua contrarietà .
“Abbiamo trovato, come sempre nell’assessore Battaglia – hanno affermato – un interlocutore attento e disponibile al dialogo. Questo ha permesso di aprire un tavolo di discussione nel corso del quale è emersa la sua contrarietà alla chiusura del reparto. L’epilogo felice di questa vicenda non può che renderci ottimisti, dimostrando anche che il riordino del piano sanitario non può che passare per un confronto aperto ed equilibrato tra le diverse posizioni ed esigenze”.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti