Il quadro di Norma di Giuseppina Mellace

La presentazione del romanzo il 15 settembre 2021 alle ore 18.30 presso il Centro culturale Elsa Morante
M. M. - 15 Settembre 2021

Il 15 settembre 2021 alle ore 18.30 presso il Centro culturale Elsa Morante – spazio Arena – piazza Elsa Morante, 16, si terrà la presentazione del romanzo di Giuseppina Mellace “Il quadro di Norma”. Con l’autrice interverranno Marino Micich (Direttore Archivio Museo storico di Fiume) e Donatella Schurzel.

Una storia narrata con obiettività e libera da pregiudizi ideologici. Norma Cossetto, giovane studentessa istriana, barbaramente violentata e gettata ancora viva in una foiba nella notte tra il 4 e 5 ottobre 1943 da!partigiani comunisti jugoslavi, ebbe lo stesso tragico destino di decine e decine di donne italiane gettate nelle foibe o nelle profondità marine. Erano maestre, mogli o figlie di ufficiali, impiegate negli uffici dell’allora amministrazione fascista oppure semplici testimoni di violenze e assassinii. L’Istria, come narra l’autrice era percorsa da odi etnici e tensioni politiche di ogni colore politico. Non esiste però ragione politica che tenga per eliminare esseri umani e per giunta innocenti. Uno dei messaggi che traspaiono dal romanzo di Giuseppina Mellace è sicuramente la condanna dell’odio ideologico e l’ uso della violenza che non tiene conto di nulla. La triste e a lungo dimenticata vicenda di Norma Cossetto – Rosa d’ Italia – deve aiutare l’umanità a riflettere sui valori della pace e del rispetto reciproco fra i popoli. Altrimenti il sacrificio di Norma come quello di milioni di altre vittime dell’odio e dell’intolleranza rimarrà inutile e sterile. Questo sarà il messaggio di fondo della serata letteraria. Il libro è stato edito dall’Università Nicolò Cusano, ente che assieme alla Società di Studi Fiumani ha promosso nel 2020 il primo Master universitario sul tema – Le foibe e l’esodo giuliano dalmata.

Francesco FIGLIOMENI elezioni comune di Roma 2021
Pubblicità elettorale 2021 amministrative Roma

Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti