Sport  

Inter-Roma: le pagelle

Gianluigi Polcaro - 1 Novembre 2015

Ecco le pagelle di Gianluigi Polcaro della partita Inter-Roma, giocata sabato 31 ottobre 2015 e finita 1-0.

Inter: Handanovic 7.5; D’Ambrosio 7 (dal 77′ Ranocchia 6), Miranda 6,5, Murillo 7, Nagatomo 6,5; Guarín 6,5, Medel 6,5 (dal 50′ Kondogbia 6), Brozovic 7; Ljajic 6, Jovetic 6 (dal 64′ Palacio 6), Perisic 6,5. All. Mancini 7

Roma: 

Szczesny 5: La sua non è una prestazione da grande portiere, ma nemmeno da portiere di livello. Dopo 30 minuti di inattività il primo tiro sporco e prevedibile che gli arriva, lo sorprende in maniera imbarazzante, mettendo in crisi la squadra in una gara troppo delicata dove questi errori si pagano a caro prezzo. Va meglio nella ripresa con buone uscite e il solito buon palleggio con i piedi, ma ormai la frittata è fatta

Maicon 6,5: Altra buona prestazione del brasiliano, per la prima volta contro la sua ex squadra a Milano. È meno esplosivo rispetto alla gara contro l’Udinese, ma con il tridente puro in avanti ha il compito di contenere di più. Quando si sgancia, però, sono sempre dolori per gli avversari. Nella ripresa ha un calo fisiologico e gli avversari provano a sfondare dalle sue parti, ma è tempestivo nelle chiusure. Delizioso l’assist per Djeko che però non concretizza

Manolas 6,5: Sempre molto attento, dalle sue parti non si passa. Dà sempre una mano ai compagni nelle chiusure ed è tempestivo nei recuperi. In avanti è pericoloso anche di testa, ma non fortunato

Rüdiger 6: E’ in netto miglioramento e partita dopo partita acquisisce maggior sicurezza e senso della posizione. Con i piedi non è particolarmente delizioso, ma sa essere efficace

Digne 6: Prova sempre a  sganciarsi sulla fascia, anche se l’assetto difensivo dell’Inter crea problemi di fluidità al gioco romanista e il francese ne risente nel trovare i varchi giusti oltre che dei cross efficaci

La Sposa di Maria Pia

Florenzi 5,5: Parte bene, sfoderando dei cambi di campo per i compagni, ma, imprevedibilmente cala minuto dopo minuto e Garcia lo sostituisce nella ripresa

(dal 63′ Falque) 6: Si barcamena sulla mediana cercando di farsi sempre trovare pronto

Nainggolan 6,5: Al posto di De Rossi, nella zona centrale, sa farsi rispettare. Non benino in fase di impostazione, ma impeccabile nelle chiusure. Non molla fino alla fine

Pjanic 5: Non riesce a districarsi al meglio tra le maglie del centrocampo interista, ma cerca di mettersi a disposizione della squadra. Peccato che il nervosismo gli faccia brutti scherzi e si fa buttare fuori per doppia ammonizione dopo aver commesso un ingenuo fallo di mani. Salterà il derby

Salah 5: Non trova i varchi giusti, grazie all’assetto tattico di Mancini, ma quando ha delle palle buone le spreca tutte. Serata no

Dzeko 5: Prima deludente prestazione del gigante bosniaco. È poco reattivo e si fa recuperare da D’Ambrosio in occasione della migliore occasione che gli capita sotto porta. Troppo lento anche nelle altre occasioni che gli capitano e anche l’intesa con i compagni stavolta non è delle migliori

(Dal 77′ Vainqueur) 6: Fa il suo senza strafare

Gervinho 6,5: E’ l’unico che prova a scardinare seriamente la difesa di casa, ma spesso non trova l’ultimo tocco utile. Il mister lo sostituisce prima di quei dieci minuti finali quando, seppur stanco, la sua imprevedibilità sarebbe potuta risultare utile

(dal 84′ Iturbe) s.v.: Non sfrutta quei dieci minuti tra finale e recupero per sfoderare azioni pericolose

All. Rudi Garcia 5,5: Si affida ancora una volta al tridente pesante, ma i suoi attaccanti lo deludono alla prova di maturità contro un’avversaria diretta. Inoltre Mancini gli crea una pantano dove il gioco romanista viene fiaccato e neutralizzato, senza che il mister francese riesca a trovare delle contromisure. Prova a mischiare le carte nel finale, ma è tutto reso vano dal nervosismo dei suoi che si concretizza con l’espulsione di Pjanic da cui la squadra non si riprende più

Arbitro: Nicola Rizzoli 6: Qualche piccola svista che fa risentire i nervosi giocatori giallorossi, ma nel complesso se la cava dignitosamente


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti