Laboratorio Analisi Lepetit

La Festa Patronale di San Luca Evangelista dal 14 al 21 ottobre 2018

In via Roberto Malatesta del V municipio di Roma Capitale. Il programma dei festeggiamenti
Aldo Zaino - 9 Ottobre 2018

Anche quest’anno grazie al Parroco Don Romano De Angeli, Don Francesco e il Comitato della festa della Parrocchia di S. Luca Evangelista in via Roberto Malatesta del V municipio di Roma Capitale dal 14 al 2i ottobre si svolgerà la Festa Patronale di San Luca Evangelista.

Il perché della Festa Parrocchiale: come una grande famiglia si festeggiano gli appuntamenti più significativi, così in questa grande famiglia di fedeli di S Luca   festeggiano il Santo Patrono, l’appuntamento per tutti è un’occasione per vivere insieme giornate di gioia ma anche per crescere nella Fede, nella Speranza e nella Carità.

Dal 17 al 21 ottobre quindi tante sono le iniziative che accompagneranno la Festa Patronale com’è evidenziato nella locandina nella quale si distinguono il programma religioso con le Sante Messe e la processione nelle strade del quartiere con la Statua di San Luca sabato 20 ottobre, e la parte dello svago che coinvolge persone di tutte l’età.

Il giorno 16 dedicato ai bambini i quali dopo la preghiera e la merenda ci sarà per loro la festa dei gonfiabili. Per i più grandi negli altri giorni dalla cena e giochi per tutta la famiglia al XVI Torneo Sociale del Circolo Bocciofilo San Luca.  Il tutto allietato dalle musiche del complesso “The Corus Band”

Una segnalazione a parte meritano lo spettacolo pirotecnico di sabato 20 dopo la processione e la Benedizione a tutta la Comunità Parrocchiale, e lo spettacolo della “Compagnia de Roma” che alle ore 18.00 di domenica 21 presenterà presso il teatro della Parrocchia di S Luca la commedia “ Una volta nella vita”

Per le Sante Messe si avvicenderanno: S. Ecc. Paolo Ricciardi (delegato per la Pastorale Sanitaria), S Em. Card. Dominque Mamberti e da Don Luigi M.  Epilogo, Don Rocco Malatacca e con tutti i sacerdoti della Parrocchia di S Luca.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti