La Notte Nazionale del liceo classico nel V Municipio

Venerdì 17 gennaio: Open Night nel Liceo Benedetto da Norcia di via Saracinesco
F. S. - 15 Gennaio 2020

Anche nell’anno appena iniziato lo storico Liceo Benedetto da Norcia di via Saracinesco (Largo Agosta, V Municipio) organizza – per la quinta volta – la Notte Nazionale del Liceo Classico, un evento ormai diffuso a livello nazionale. La proposta di promuovere e sostenere l’istruzione e la cultura classica, con un evento che coinvolgesse la maggior parte dei licei classici italiani, è partita, sei anni or sono, da un docente del siciliano Liceo Gulli e Pennisi di Acireale (Catania), il prof. Rocco Schembra; l’iniziativa ha trovato subito entusiastica accoglienza in centinaia di licei sparsi su tutto il territorio nazionale. Ogni anno, quindi, sono sempre di più i licei che aderiscono all’evento con un programma che viene declinato da ciascuna scuola in modo  originale e valorizzando soprattutto la creatività degli studenti. Tuttavia l’inizio è comune: alle 18 di venerdì 17 gennaio si parte con un video inviato dalla scuola siciliana capofila e realizzato con il contributo di tutti i licei. Segue il brano vincitore di un concorso bandito nel mese di novembre a cui hanno partecipato numerosi alunni dei licei coinvolti.

Il programma del Benedetto da Norcia prosegue poi con un corteo che simboleggia la diffusione nel territorio della cultura classica, un corteo che si dispiegherà su Largo Agosta e farà poi ritorno nella sede del Liceo in via Saracinesco, dove si svilupperanno, per tutta la serata e parte della notte, una serie di rappresentazioni, lezioni, intrattenimenti e performances organizzati e realizzati dagli alunni con l’aiuto dei docenti. A metà serata, gli stessi studenti illustreranno agli ospiti la mission e la storia del liceo Benedetto da Norcia. Chiusura comune a ridosso delle 24, con la lettura di un brano letterario, che quest’anno sarà tratto da una tragedia di Eschilo.

E’ con orgoglio che il Liceo Benedetto da Norcia cerca di mantenere viva e diffondere la cultura in generale e classica in particolare, contro le derive della barbarie, in un quartiere come Centocelle, dove purtroppo si assiste a tristi e oscuri attacchi a tutto ciò che ricorda il sapere e la conoscenza, come il recente incendio appiccato alla libreria La pecora elettrica.

Pur nelle difficoltà e contrastando un ricorrente senso di frustrazione per riconoscimenti promessi ma scarsamente mantenuti, i docenti sono quotidianamente impegnati a far crescere le studentesse e gli studenti, ad incoraggiarli a sviluppare tutte le loro potenzialità, nella ricerca delle comuni radici culturali, storiche, umane, e per il pieno sviluppo del senso critico e dell’autonoma capacità di scegliere.

La Notte Nazionale dei licei classici vuole riaffermare proprio questo: l’importanza della cultura, la gioia della bellezza, della riflessione su di sé e sul mondo, il tempo di riflettere, proprio mentre il mondo toglie il tempo e strumentalizza i giovani, dispensando loro false illusioni, paure e angosce.

L’evento è aperto al pubblico sia dei genitori che dei cultori e dei simpatizzanti della cultura.

IL PROGRAMMA

18.00–18.30: Apertura con video comune; lettura del brano comune; presentazione delle attività e saluti ai presenti (Aula multimediale)

18.30–19.00: Corteo esterno su Largo Agosta “Il trionfo della cultura”

18.30–19.00: “ Il mondo degli dei e degli eroi” (Aula 4)

18.30–19.00: “Nuove operette morali”: letterati del passato parlano di temi di attualità (Aula 6) 19.00–19.30: “I numeri innumeri di Plauto”:scene da Aulularia e Rudens (Aula 7)

19.00–19.30: “Il vaso di Pandora” (Aula 11) 19.00–19.45: “ Il violino di Ingres”: le passioni segrete degli artisti (Aula informatica)

19.40 – 20.20: “La storia siamo noi”: voci dal Novecento (Aula 11) 19.40–20.15: Costrette al silenzio” (Aula 4) “Il potere dell’oratoria”

19.45—20.15: passi da Conspirata di R. Harris (palestra)

20.15—20.45: scene dal Giulio Cesare di Shakespeare (palestra)

20.00-20.30: OPEN NIGHT: il Vicepreside spiega le caratteristiche del nostro Liceo Classico (Aula multimediale)

20.00-20.30: “Figli delle stelle” percorsi tra letteratura, mito e astri (Aula 9)

20.00–20.30: “Birds fly in different directions”: leggenda di Icaro (Aula 7)

20.30–21.30: A cena da Trimalcione: banchetto . Il saluto della Dirigente (Aula 2)

21.00–21.30: “I numeri innumeri di Plauto”: scene da Aulularia e Rudens (Aula 7)

21.15—21.45: letture da Il traditore di mafia di Vito Bruschini (Palestra)

21.20–22.00: “Costrette al silezio” (Aula 4)

21.40 – 22.20: “La storia siamo noi”: voci dal Novecento (Aula 11)

22.00–22.30: “Figli delle stelle”: percorsi tra letteratura, mito e astri (Aula 9)

22.30–23.00: “Birds fly in different directions”: leggenda di Icaro (Aula 7)

22.30–23.00: “Il mondo degli dei e degli eroi” (Aula 4)

22.30—23.00 “Il vaso di Pandora” (Aula 11)

22.30 23.00: “Nuove operette morali”: letterati del passato parlano di temi di attualità (Aula 6) 22.40–23.30: “Scene dalla Divina Commedia” (Palestra)

23.40–24.00: Chiusura con brano comune e saluti (Aula multimediale)

Alle 19, alle 21 e alle 23 “Nati dalle ossa della Grande Madre” dal mito di Deucalione e Pirra (nel corridoio del piano terra e nel corridoio del primo piano)

 

Tutta la serata: Le Heroides accompagnano il pubblico Il Naturamante: gioco con domande di scienze naturali (Ingresso) L’oracolo della Pizia: risposte oracolari ai passanti (Antipalestra)

 

L’Associazione degli ex alunni del Liceo “Benedetto da Norcia” (Ingresso)

 

 

F. S.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti