La scuola media Gaio Cecilio Secondo incontra l’Europa

E partecipa al Progetto Europeo Comenius 'Young Gardeners for Mutual Understanding' in collaborazione biennale con altre cinque scuole europee
Enzo Luciani - 14 Novembre 2009

La scuola media statale “Gaio Cecilio Secondo” partecipa al Progetto Europeo Comenius “Young Gardeners for Mutual Understanding” che prevede la collaborazione biennale (a.s. 2008-09 e a.s. 2009-10) tra sei scuole europee:

– Ecole Jean Jaurès – Villeurbanne – Lione- FRANCIA

– Primary School “ St. Sofronii Vrachanski – Vratza – BULGARIA

– C.E.I.P. Roque Aguayro – Aguimes – SPAGNA

– Writtle County Junior School – Chelmsford – INGHILTERRA

– Szkoła Podstawowa im. Marszałka Józefa Piłsudskiego w Horyńcu-Zdroju – Horyniec-Zdrój – POLONIA.

Dal 7 all’11 novembre 2009, la nostra scuola ha ospitato una delegazione di 25 docenti e dirigenti provenienti dai cinque Paesi Europei partecipanti al progetto. I rappresentanti degli istituti europei sono stati ricevuti il giorno 9 dal Dirigente Scolastico della scuola media “G. Cecilio Secondo”, dott.ssa F. Beggiato, da tutto il personale e dagli alunni. Il giorno 10 sono stati accompagnati dal Dirigente Scolastico al X Municipio dove hanno incontrato il Presidente dott. S. Medici, l’Assessore alla Scuola, dott. A. Captano, e altri rappresentanti dell’Amministrazione Locale. Nella stessa mattina si sono recati nella scuola Montessori “Don Luigi Rinaldi” invitati dal Dirigente Scolastico, dott.ssa C. Giacomobono.

Gli obiettivi della cooperazione del Progetto Comenius tra i sei istituti europei, sono in linea con il programma “Lifelong Learning Programme” e con le politiche educative dell’Unione Europea. Infatti tra gli obiettivi del progetto sono presenti alcune delle Strategie di Lisbona: lo sviluppo della conoscenza e della comprensione della diversità culturale e linguistica; la crescita personale dei giovani e la promozione della cittadinanza europea attiva; l’apprendimento delle lingue straniere; la promozione dell’uso di nuove tecnologie; il miglioramento della conoscenza e della consapevolezza della propria realtà territoriale e di quella dei partner, per sviluppare un efficace dialogo interculturale; la promozione di scambi e attività di cooperazione tra allievi e docenti; una valida tutela dell’ambiente per le generazioni future.

Adotta Abitare A

Nel primo anno di lavoro (a.s. 2008-09) si sono svolti tre incontri di progetto in Francia, Inghilterra e Polonia mentre in questo anno scolastico 2009-10 il quarto meeting si è tenuto presso la nostra sede, dove il progetto è coordinato dalla prof.ssa L. Spiriti.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti