L’Hip Hop Film Festival nel V municipio

Redazione - 8 Novembre 2019

Il V Municipio ha deciso di sostenere l’Hip Hop Film Festival di Roma. Si tratta di un evento che l’Amministrazione vuole ospitare nel territorio e che la Commissione Cultura, presieduta da Alessandro Stirpe, sta seguendo in prima persona e che intende ambientarenel quartiere Torpignattara.

Alessandro Stirpe

Alla seduta odierna della Commissione Cultura del Municipio hanno partecipato i promotori dell’evento, Giulia Giorgi e Joe Collier.

Il Presidente della Commissione Alessandro Stirpe ha dichiarato: “Tenere viva l’eredità della tradizione culturale del Municipio Roma V è un impegno importantissimo. Offre sempre importanti possibilità di misurarsi con iniziative ambiziose ed emozionanti. L’Hip Hop Film Festival ne è un esempio. Averlo sul nostro territorio significa aprire uno scenario fatto contaminazioni linguistiche e sorprese perfomative. Continueremo ad investire affinché il nostro territorio diventi un punto di riferimento per i creativi che hanno voglia di condividere nuovi modelli e nuove visioni della Città.

A parlare anche la Vice Presidente della Commissione Cultura del Municipio Monia Maria Medaglia: “Esiste una grande quantità di promotori culturali di altissimo profilo che troppo spesso non riescono a trovare luoghi per condividere con la cittadinanza i loro progetti. Come istituzione per noi è un dovere lavorare per dare l’opportunità a queste risorse di poter fiorire sul territorio e radicarsi, per creare una comunità solidale e resiliente.”

Il perché di una scelta

L’hip hop non è, solamente, un genere musicale, ma una vera rivoluzione culturale nata negli anni ’70 nel South Bronx, in una zona periferica di New York.

L’hip hop nasce dalla necessità di reagire in un periodo storico dominato dalla violenza, dalla povertà e dall’emarginazione (anche razziale) dei giovani che vivevano nei ghetti. Il movimento è sempre stato caratterizzato dalla mescolanza di etnie, culture, idee e si basa molto sulla condivisione.

Questo genere musicale, come tante altre espressioni culturali, è stato un volano per l’integrazione e il riscatto sociale in tanti quartieri popolari e, per questo, la Commissione Cultura vorrebbe ospitare questo Festival (nel corso del quale si susseguiranno film, documentari, musica e workshop) in un quartiere vivo e molto abitato come quello di Torpignattara.

Sull’evento a dicembre si terrà una conferenza stampa.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti