Lotta Studentesca contesta fuori le sedi Rai e La7

Giovedì 8 novembre 2012 un blitz di protesta contro la cattiva informazione dei media sulla legge Aprea
Enzo Luciani - 8 Novembre 2012

Nella mattinata di giovedì 8 novebre 2012 i ragazzi del movimento "Lotta Studentesca" hanno dato vita ad un blitz presso le sedi di Rai e La7 per denunciare la cattiva informazione operata dai media sulla Legge Aprea e riguardo le contestazioni studentesche.

“Abbiamo scelto di esporre simultaneamente presso le due sedi televisive uno striscione dal testo provocatorio (se tutto questo è bene, allora sì che siamo noi il male) per denunciare lo stravolgimento della realtà e la pessima gestione dell’informazione operata dai media ed in particolare da questi canali televisivi" dichiara in una nota Andrea Di Cosimo, responsabile romano di Lotta Studentesca. 

"Nelle ultime settimane abbiamo assistito alla criminalizzazione di studenti – contiua di Cosimo – colpevoli solamente di manifestare per una scuola pubblica migliore, le nostre azioni sono state distorte per poter creare il caso mediatico, sono state diffuse voci false su improbabili denunce per scoraggiare i nostri studenti dal manifestare! Il tutto mentre veniva inspiegabilmente a mancare una reale opera di informazione sulle ripercussioni che la Legge Aprea ed i provvedimenti inseriti nella legge di stabilità avranno sul mondo della scuola.

Dar Ciriola asporto

Misure che incideranno al pari della Riforma Gelmini, ma che sono portate sotto silenzio per impedire facili e prevedibili contestazioni a questo governo di burocrati. Dal canto nostro, siamo da tempo abituati a confrontarci con la censura mediatica e questo non ci impedirà certo di batterci al fianco degli studenti, contro l’ingresso dei privati nelle scuole e per una maggiore partecipazione degli alunni alla vita dell’istituto" conclude Di Cosimo. 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti