Milan-Lazio 1-0: rabbia laziale

Un rigore negato ha condannato la Lazio alla sconfitta. Cronaca, pagelle, tabellino e videosintesi
Marco Savo - 14 Aprile 2019

A Milano contro il Milano, nel match della 32ª giornata della Serie A Tim, è successo tutto ciò che i tifosi della Lazio temevano.

Dopo le polemiche sterili e strumentali dei rossoneri nel match contro la Juve (il rigore su Alex Sandro c’era ma si è verificato sullo zero a zero e a pochi minuti dal vantaggio siglato da Piatek nel primo tempo) il Milan contro la Lazio ha usufruito di una decisione arbitrale dubbia, questa sì decisiva perché ha negato ai laziali il possibile pari.

Finale avvelenato

Ricapitoliamo, dopo un match sostanzialmente equilibrato Rocchi nel finale ha assegnato un penalty conto Acerbi per fallo di mano, ma ritornando sui suoi passi dopo aver visto al VAR che il braccio del difensore laziale era attaccato al corpo.

Milan-Lazio 0-1Pochi minuti dopo Durmisi, entrato al posto di Lulic, ha commesso una grossa ingenuità andando a travolgere in area Calhanoglu. Questo sì era rigore, poi trasformato da Kessie.

Fino a qui tutto ok ma in pieno recupero Milinkovic è stato atterrato da Rodriguez in area milanista. Rocchi ha fatto cenno di continuare dicendo che il milanista aveva toccato la palla e senza andare a rivedere l’azione al VAR.

L’errore è stato proprio questo perché è vero che il rossonero ha sfiorato la palla ma poi ha travolto il laziale nel momento in cui era ancora nelle possibilità di giocare la palla.

Senza rispetto

Milan-Lazio 0-1È finita così fra le polemiche e con Kessie e Bakayoko irrispettosi verso Acerbi che per nel finale per stemperare i toni aveva scambiato la maglia con i milanisti.

I due incuranti del gesto distensivo del laziale, sono andati sotto la curva mostrando la maglia ai tifosi come fosse un trofeo di guerra.

Le pagelle di Milan-Lazio 0-1

Strakosha 7 – Ha compiuto due parate su tutte, una su Piatek e l’altra su Suso. Da applausi la seconda a mano aperta con la palla destinata nel sette.

Luiz Felipe 6 – Un po’ sottotono.

Acerbi 6.5 – La difesa laziale si regge sulle sue spalle. Ci vorrebbero undici Acerbi in campo e quello che ha subito a fine gara dal duo Kessie-Bakayoko è semplicemente vergognoso. Pensate per un attimo se fosse successo al contrario?

Bastos 5.5 – Un passo indietro, non ha dato il giusto sostegno difensivo.

81′ Parolo sv

Romulo 6.5 – Ha giocato una buona gara nonostante il giallo che ha rimediato ad inizio match.

Milinkovic 6 – Il serbo ha giocato meglio nel primo tempo, nella ripresa invece è apparso sottotono e nonostante ciò si era guadagnato il penalty del possibile 1-1.

Leiva 6.5 – Ha cercato di dare il massimo per tutto il match.

Luis Alberto 5 – Una partita sotto tono, con un solo lampo nel primo tempo ovvero l’assist per Immobile che ha poi colpito il palo. Ha rimediato anche un’ammonizione che lo costringerà a saltare il recupero contro l’Udinese.

Lulic 6 – Ha cercato di fare il massimo soprattutto in fase difensiva e peccato che Inzaghi abbia deciso di risparmiargli l’ultimo quart’ora perché il compagno che poi l’ha sostituito ha commesso l’errore che ha condannato la Lazio alla sconfitta.

74′ Durmisi 4 – Appena entrato ha travolto in area Calhanoglu. Un errore gravissimo che potrebbe costare caro in ottica Champions.

Correa 6 – Bravissimo quando c’è da fare un dribbling o fare un assist ma poi quando la deve buttare dentro si incarta. È successo anche contro il Milan. Un problema fisico l’ha costretto alla resa nel secondo tempo.

47′ Caicedo 5 – Al netto delle polemiche arbitrali se la Lazio rischia di perdere il treno Champions la colpa è anche la sua che non è mai pericoloso.

Immobile 5.5 – In questo periodo non riesce a buttarla dentro ed anche nella serata di San Siro ha avuto due nitide palle goal, nella prima ha sparato addosso a Reina e nella seconda ha colpito il palo.

All. Simone Inzaghi 5.5 – La Lazio è stata bella e brillante soprattutto nel primo tempo mentre nella ripresa è stata più timorosa. L’ingresso in campo di Durmisi rischi di pesare come un macigno sulla stagione laziale.

MILAN

Reina 7; Calabria 5.5 (Laxalt 6), Musacchio 6, Romagnoli 6.5 (Zapata 6.5), Rodriguez 6; Kessié 7, Bakayoko 6.5, Calhanoglu 6.5; Suso 6, Piatek 6.5 (Cutrone 6), Borini 6.5. All. Gennaro Gattuso 6.5.

Arbitro: Gianluca Rocchi (sez. di Firenze) 4Milan-Lazio 0-1

Il tabellino di Milan-Lazio 1-0

Marcatore: 79′ rig. Kessie (M)

MILAN (4-3-3): Reina; Calabria (67’Laxalt), Musacchio, Romagnoli (68′ Zapata), Rodriguez; Kessié, Bakayoko, Calhanoglu; Suso, Piatek (83′ Cutrone), Borini. A disp. Donnarumma A., Plizzari, Abate, Caldara, Conti, Strinic, Bertolacci, Biglia, Castillejo. All. Gennaro Ivan Gattuso.

LAZIO (3-5-2): Strakosha; Luiz Felipe, Acerbi, Bastos (81′ Parolo); Romulo, Milinkovic, Leiva, Luis Alberto, Lulic (74′ Durmisi); Correa (47′ Caicedo), Immobile. A disp. Proto, Guerrieri, Patric, Wallace, Silva, Cataldi, Jordao, Neto. All. Simone Inzaghi.

Arbitro: Gianluca Rocchi (sez. di Firenze). Assistenti: Meli – Costanzo. IV uomo: Maresca. V.A.R.: Mazzoleni. A.V.A.R.: Paganessi.

NOTE. Ammoniti: 9′ Romulo (L), 85′ Luis Alberto (L), 92′ Zapata (M). Recupero: 6′ st.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti