Sport  

Milan-Roma 3-3, le pagelle

Leao, Mirante, Dzeko e Ibrahimovic i migliori. Tatarusanu il peggiore seguito da Karsdorp
Gianluigi Polcaro - 27 Ottobre 2020

MILAN: Tatarusanu 4,5; Calabria 6, Kjaer 6,5, Romagnoli 5,5, Theo Hernandez 5,5; Kessie 6, Bennacer 6; Saelemaekers 6,5 (73′ Krunic s.v.), Calhanoglu 6, Leao 7 (73′ Castillejo s.v.); Ibrahimovic 7. All. Pioli 6

 

ROMA

Laboratorio Analisi Lepetit

Mirante 7

Si conferma tra i migliori portieri della serie A e anche se oggi qualche sbavatura la commette, nei momenti clou si fa sentire mettendoci sempre una pezza. Dà sicurezza a tutto il reparto

Mancini 5,5

Ingaggia entusiasmanti sfide ad alta quota con Ibra, che a volte vince e a volte perde. Ma la sua imprecisione negli interventi non gli fa raggiungere la sufficienza

Ibanez 5,5

Diversi errori, soprattutto di testa, ma è bravo nel recupero, in cui è prezioso fino alla fine, ma pesano sulla sua prestazione quegli scontri persi che alla fine rischiano di far prendere anche il quarto gol del KO

Kumbulla 6

Dopo due minuti si dimentica di salire con la linea difensiva e Ibra lo punisce segnando il primo gol. Di questo ne risente per buona parte del match, evidenziando diverse imprecisioni più o meno rischiose. Si riscatta con la rete del sospirato pareggio confermandosi un difensore con il fiuto del gol

Karsdorp 5

A parte qualche buona scorribanda vichinga, è abbastanza in ritardo nelle chiusure e sempre in difficoltà ad arginare le folate dei rossoneri. Fonseca sbaglia la scelta regalando la fascia destra al Milan

(66′ Bruno Peres) 5,5

Abbastanza inconcludente

Veretout 6

Prestazione non da lui. Sembra scomparire tra le maglie dei rossoneri. Sempre in ritardo, come in occasione del gol di Saelemaekers. Si riscatta segnando, come sempre magistralmente, il rigore del momentaneo 2-2
(86′ Villar) s.v.

Pellegrini 6,5

Molto ispirato e molto mobile in mezzo al campo, regala palle preziose a Dzeko e compagni. Sa proporsi in fase d’attacco e sa ben districarsi nel palleggio. Peccato che abbia poca autonomia e ne risente nel finale

(dal 76′ Cristante) 6

Ci mette molta sostanza

Spinazzola 5,5

Fatica a trovare spazi nella sua zona di competenza, resta qualche guizzo, ma stavolta nulla più

Pedro 6,5

Mezzo voto in più per la caparbietà e la personalità con cui prende la squadra per mano. Gioca a tutto campo per recuperare palle utili da smistare, ma senza dimenticarsi dell’area di rigore, dove si procura il rigore poi siglato da Veretotut

Mkhitaryan 5,5

Molto impreciso e spesso poco reattivo. Si riprende nel finale con qualche guizzo. Suo il tiro da cui poi nasce il rigore provocato da Pedro

Dzeko 7

Sempre nel vivo della manovra d’attacco.
Continua a segnare e a ritrovarsi leader di questa squadra.
Imprescindibile per la Roma

All. Fonseca 6

La sua squadra non molla mai e riesce all’ultimo ad acciuffare un pareggio prezioso, ma troppi gol presi, una fase difensiva quasi inesistente e giocatori troppo slegati nei reparti. Se il mister difficilmente perde in campionato, è pur vero che non ha ancora vinto uno scontro diretto che permetterebbe un salto di qualità alla squadra

Arbitro: Giacomelli 4: Il primo rigore per la Roma è inesistente, poi peggiora ancor di più la prestazione regalando un rigore di compensazione al Milan. Il Var di certo non lo aiuta, ma lui in quei minuti va nel pallone


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti