Quest’anno a Natale “regaliamo” qualche ora del nostro tempo

Diventare volontari attraverso la Banca del Tempo e della Musica
Enzo Luciani - 14 Novembre 2007

Nel 6° Municipio esiste dal 2003 un Albo del Volontariato, collegato al progetto che ha per titolo “La Comunità si prende cura di …”. Esso è rivolto a quei minori e anziani del nostro territorio che, su segnalazione dai servizi sociali, necessitano di piccole cose: la spesa, una passeggiata, un po’ di compagnia, la lettura di un libro, fare una partita a carte; per i minori si tratta inoltre di un aiuto per i compiti, di un sostegno scolastico in alcune materie, ma anche di un accompagnatore disponibile ad andare a prendere un bambino a scuola, in sostituzione dei genitori che lavorano. L’impegno non è eccessivo: una o due ore settimanali per aiutare qualcuno in difficoltà.

L’albo del volontariato può contare fino ad oggi su circa 120 volontari; per unirsi a loro non è necessario avere requisiti particolari: è sufficiente essere maggiorenne, ed avere voglia di dare una mano. Il volontario che aderisce all’albo sceglie, al momento dell’iscrizione, e dopo un colloquio con i responsabili del servizio, se occuparsi di anziani o minori e quante ore settimanali può mettere a disposizione; non sono richieste neppure qualità professionali perché il volontario dell’Albo non pratica nessuna attività che richieda competenze specifiche; per esempio: non si occupa di assistenza ai malati, non pratica terapie infusionali, medicazioni o fisioterapia, ma non deve occuparsi né di pulizia domestica, né tanto meno di cure igieniche. Al volontario spetta solo coprire quei piccoli vuoti che nessuna struttura può offrire: comprare il latte, il giornale, pagare una bolletta; semplici gesti che ci consentono non solo di aiutare qualcuno in difficoltà ma anche di ricostruire quel rapporto di buon vicinato che in una metropoli è spesso difficile.

All’Albo del volontariato sono iscritti molti giovani e giovanissimi, spesso studenti fuori sede, che hanno voglia di accudire una nonna, fare una telefonata ad una persona sola; molti sono giovani pensionati che hanno ancora energia da offrire generosamente e che la impiegano per andare alla posta, fare una piccola riparazione, portare un anziano ad una mostra; molti sono insegnanti che dopo il lavoro nelle scuole la mattina seguono con passione e dedizione i ragazzi dello sportello del volontariato, spesso fino alle scuole superiori, dedicando un’ora la settimana sempre alla Banca del tempo.

Le richieste in questi anni sono aumentate e spesso si fa fatica a rispondere alle esigenze degli utenti che ne fanno richiesta. Chiunque voglia cimentarsi con un’attività di volontariato lo può fare anche nel proprio quartiere, iscrivendosi al Volontariato. Si avvicina Natale: per essere veramente buoni non occorre andare lontano, ma è sufficiente guardarsi intorno, rimboccarsi le maniche e aiutare il vicino di casa.

Per iscriversi è necessario presentarsi, muniti di un documento, alla Banca del tempo, sita in Via Alberto da Giussano 56 – 00176 Roma. Tutti i giorni dalle 9,30 alle 12,30; pomeriggio dalle 16,00 alle 19,00, tel. 06 290247/ fax 06 21703194 – e-mail: bdtemusicarm6@inwind.it.  

Barbara Collalti (Coordinatrice della Banca del tempo e della Musica)

La Sposa di Maria Pia

Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti