Rom, lo sperpero continua

Per interventi che lasceranno le cose come prima per la manutenzione e la bonifica dei villaggi di via di Salone, via dei Gordiani, via C. Lombroso, Via L. Candoni e La Barbuta. Cresce l'irritazione del Comitato di quartiere Tor Sapienza
di Alessandro Moriconi - 9 Febbraio 2015

E’ di questi giorni la notizia di un ennesimo esborso da parte del Comune di Roma per mettere in sicurezza anche dal punto di vista igienico sanitario alcuni campi Rom presenti sul territorio Romano, altri 630.000 €uro che vanno ad aggiungersi al fiume di denaro speso per il nulla, visto che dopo solo poche settimane dagli interventi, tutto ritorna come prima.

Questo il testo integrale del Bando e degli obiettivi che la Giunta Comunale si prefigge.

Migliorare la qualità di vita delle popolazioni Rom, Sinti e Caminanti presenti nel territorio cittadino, ripristinando e salvaguardando le normali condizioni igienico-sanitarie nei Villaggi.
Questo l’obiettivo dei 3 (tre) Avvisi di gara banditi dal Dipartimento Politiche Sociali, Sussidiarietà e Salute – Ufficio Rom, Sinti e Caminanti, per la manutenzione e la bonifica dei villaggi di Via di Salone, Via dei Gordiani, Via C. Lombroso, Via L. Candoni e La Barbuta.
L’esecuzione dei lavori potrà essere occasione di formazione professionale e di occupazione per gli ospiti dei villaggi, che potranno essere coinvolti dagli organismi aggiudicatari nella realizzazione delle opere previste.
Tre le tipologie di interventi previsti, per un importo totale di 600.000 euro, oltre ai 30.000 euro relativi agli oneri per la sicurezza.
La prima categoria di interventi si rivolge alla bonifica delle zone citate precedentemente, nello specifico riguarderà la rimozione, il trasporto ed eventuale smaltimento di unità abitative o roulotte, con la conseguente messa a norma degli impianti ad esse inerenti.
La seconda e la terza puntano alla manutenzione delle aree con particolare attenzione alla riqualificazione delle stesse, nonché alla manutenzione degli impianti antincendio in esse presenti.

Sgombero in via Salviati

Sgombero in via Salviati

Da Tor Sapienza però non ci stanno e il Comitato di Quartiere critica questo ennesimo sperpero di denaro in quanto, ed è documentato da precedenti e costosi interventi “la salvaguardia di normali condizioni igienico sanitarie durano di norma poche settimane, quando non solo pochi giorni “.

A Tor Sapienza sono veramente arrabbiati con il Sindaco Marino e gli imputano il fatto che dopo l’incontro in Campidoglio che ha dato solo parziali risultati, lo stesso non ha più risposto agli inviti e alle richieste della cittadinanza circa le condizioni igienico sanitarie e di sicurezza che vengono dal Campo di via Salviati su cui dopo alcuni interventi iniziali che hanno portato allo smantellamento della fonderia abusiva e di alcune baracche e un servizio di vigilanza esterna ad opera della Polizia Roma Capitale, tutto si è praticamente fermato.

Continuano come se nulla fosse le lavorazioni su strada, la sosta dei camioncini sul marciapiede e cosa estremamente grave ed inaccettabile per i residenti del popoloso quartiere, i giornalieri roghi puzzolenti e questo nonostante la pattuglia della Polizia Roma Capitale Presente.

sgombero-rom-salviatiE’ inaccettabile dicono i residenti che si spendano così tanti soldi pubblici per garantire decoro e igiene nei campi senza che da parte dei residenti dei campi ci sia poi un comportamento che assicuri quel decoro e quell’igiene per un periodo di tempo più lungo possibile e su questo sono le istituzioni locali e le varie associazioni che operano per e dentro i campi a dover operare perché finalmente ci sia una inversione di tendenza e fare in modo che quei soldi pubblici oggi gettati alle ortiche, domani possano servire per andare finalmente verso il superamento dei Campi.

Intanto, anche attraverso le pagine del nostro giornale i cittadini di Tor Sapienza che fanno riferimento al CdQ riconosciuto dai cittadini attraverso una pubblica elezione, rivolgono l’ennesimo invito al Sindaco Marino di verificare di persona lo stato dell’arte in via Salviati.

Ai Cittadini e al Comitato di Quartiere non resta che aspettare con sempre meno fiducia.

Serenella
La Sposa di Maria Pia

Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti