Sampdoria-Lazio 3-0: sconfitta senza appello

A Marassi una Lazio svogliata, senza gioco e senza mordente è stata punita dai goal di Quagliarella, Augello e Damsgaard. Cronaca, pagelle, tabellino e videosintesi
Marco Savo - 18 Ottobre 2020

Brutta, bruttissima sconfitta della Lazio a Genova contro la Sampdoria, nella gara valida per la 4ª giornata della Serie A Tim 2020/21.
Gli uomini di Inzaghi, mai veramente in partita, sono stati sconfitti per 3 a 0 dalla squadra guidata dall’ex giallorosso Ranieri.
Uno stop che fa male e che ridimensiona le ambizioni laziali, soprattutto a pochi giorni dal ritorno in campo in Champions League contro il Borussia Dortmund.
Quagliarella, Augello e Damsgaard hanno punito una Lazio distratta e senza mordente.

A Marassi sono emerse anche tutte le lacune della rosa, a cui il calciomercato non ha posto rimedio. Basta pensare che Inzaghi ha schierato il figliol prodigo Hoedt centro della difesa a tre, insieme ad Acerbi e Patric.
A centrocampo Parolo è stato dirottato sulla fascia destra per far fronte all’assenza di Lazzari, con Anderson dall’altra parte. Al centro dell’attacco Caicedo, non al meglio, al posto di Immobile squalificato, ha guidato l’attacco insieme a Correa.

Meglio la Samp

Sarà la distrazione dell’impegno europeo ma già nei primi minuti si è capito che la Lazio non aveva il mordente giusto.

Sampdoria-Lazio 3-0Poco prima della mezzora, Caicedo ha avuto una buona chance ma davanti ad Aduero ha concluso fuori.

Dopo l’occasione mancata dalla Lazio al 32’, Augello ha pennellato un bel cross per la testa di Quagliarella, che ha trafitto Strakosha immobile.

Poco prima della fine del primo tempo proprio Augello ha raddoppiato con preciso esterno sinistro dal limite dell’area.

 

Debutta Muriqi

Nella ripresa Inzaghi ha gettato subito nella mischia Marusic e Fares per Parolo ed Anderson.

Al 60’ ha gettato nella mischia anche il neo acquisto Muriqi.

Sul 2 a 0 Correa ha avuto la chance per riaprire l’incontro, ma come spesso accade sotto porta non è cattivo ed ha concluso al lato.

Dall’altra parte Damsgaard non ha sbagliato e ha ringraziato Patric che gli ha servito la palla per il 3 a 0 finale.

Le pagelle Sampdoria-Lazio 3-0

Strakosha 5 – Ha iniziato a parare qualche tiro dopo il 3 a 0. È ormai giunto il momento di fare posto fra i pali al più esperto Reina.

Patric 4 – Nell’ultimo anno è migliorato tanto ma continua ad avere dei pesanti cali di concentrazione, come quello in cui ha consegnato il 3 a 0 a Damsgaard.

Acerbi 5,5 – Prova a salvare la faccia della Lazio ma ormai la squadra ha perso la sua solidità difensiva.

Hoedt 4.5 – Il suo ritorno è stato tutto da dimenticare. Per crescere servono giocatori veri e non figurine o scommesse.

59′ Vavro 5 – Esce Hoedt ed entra lui, ovvero dalla padella alla brace.

Parolo 5 – Il cambio di ruolo questa volta non ha portato fortuna. La Samp sapeva fin dall’inizio che doveva attaccare ed infatti il primo goal è arrivato proprio dalla fascia destra presidiata da Parolo.

46′ Marusic 5 – Il montenegrino è stato gettato nella mischia non al meglio e si è visto. Con l’emergenza continua non si va da nessuna parte.

Milinkovic 5 – Si è fatto vedere poco o nulla.  L’unico squillo è arrivato nella ripresa con un tiro dai 20 metri.

Leiva 5 – Nonostante la sua grande esperienza non è riuscito a contenere gli attacchi della Sampdoria.

75′ Cataldi sv

Sampdoria-Lazio 3-0Luis Alberto 5 – In questa gara sono mancate totalmente il suo estro e le sue giocate. Nella ripresa è stato totalmente anonimo.

Anderson 4 – La bella statuina! Ha assistito inerme allo scatto di testa di Quagliarella. Le sue giocate vanno bene in Serie B a Salerno ma non in Serie A a Roma.

46′ Fares 5 – Ha provato a fare qualcosa di più del compagno che ha sostituito.

Correa 5 – L’argentino sotto porta è una sciagura. Non tira mai e quando lo fa sbaglia.

Caicedo 5 – Ha giocato non al meglio. Durante il mach ci ha messo generosità ma l’occasione fallita sullo 0-0 ancora grida vendetta.

59′ Muriqi 6 – Esordio non fortunato. La sufficienza è di incoraggiamento per il proseguo della sua avventura nella Capitale.

All. Simone Inzaghi 5.5 – La critica accusa il mister di insistere con il 3-5-2 anche quando gli uomini a disposizione gli permettono di non farlo. La domanda e la critica invece sono altre. Perché i giocatori laziali accusano spesso e volentieri problemi muscolari? C’è qualcosa da rivedere nella preparazione atletica?

SAMPDORIA

Audero 6; Bereszynski 6, Tonelli 6,5, Yoshida 7, Augello 7,5; Candreva 6 (79’ Keita 6), Jankto 6 (67’ Damsgaard 7), Ekdal 6,5 (57’ Adrien Silva 6,5), Thorsby 7; Ramirez 6 (57’ Verre 6,5), Quagliarella 7 (79’ Léris sv). All. Claudio Ranieri 7.

Arbitro: Daniele Orsato (sez. di Schio 6.Sampdoria-Lazio 3-0

Il tabellino di Sampdoria-Lazio 3-0

Marcatori: 34′ Quagliarella (S), 41′ Augello (S), 74′ Damsgaard (S)

SAMPDORIA (4-4-2): Audero; Bereszynski, Tonelli, Yoshida, Augello; Candreva (79′ Keita), Jankto (67′ Damsgaard), Ekdal (57′ Silva), Thorsby; Ramirez (57′ Verre), Quagliarella (79′ Léris). A disp.: Letica, Ravaglia, Ferrari, Regini, Colley, Askildsen, La Gumina. All. Claudio Ranieri.

LAZIO (3-5-2): Strakosha; Patric, Acerbi, Hoedt (59′ Vavro); Parolo (46′ Marusic), Milinkovic, Leiva (75′ Cataldi), Luis Alberto, Anderson (46′ Fares); Correa, Caicedo (59′ Muriqi). A disp. Reina, Alia, Armini, Novella, Czyz, Akpa Akpro, Moro. All. Simone Inzaghi.

Arbitro: Daniele Orsato (sez. di Schio). Assistenti: Meli – Bresmes. Quarto uomo: Giua. V.A.R.: Massa. A.V.A.R.: Alassio.

NOTE. Ammoniti: 12′ Parolo (L), 43′ Ramirez (S), 44′ Caicedo (L), 64′ Thorsby (S). Recupero: 0′ pt, 3′ st.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti