XIII Municipio, Ligi e Federici si dimettono dalla presidenza di Commissione

Marco Mikhail - 4 Aprile 2017

E’ caos nel XIII municipio dopo le dimissioni, avvenute giovedi scorso, di Augusto Ligi e Davide Federici, rispettivamente presidenti pentastellati di Commissione Lavori Pubblici Ambiente e Legalità.

Augusto Ligi

Davide Federici

Una scelta ‘data dalla difficoltà di portare avanti il lavoro’ – ha dichiarato Ligi -, che comunque rimarrà a far parte del Consiglio municipale.
Alla prima esperienza all’interno della pubblica amministrazione, l’ormai ex presidente della commissione Lavori pubblici e Ambiente ha spiegato che l’idea di lasciare l’incarico sia stato dovuto ‘ad obbiettivi che mi ero prefissato e che non sono riuscito a raggiungere’.

Gli addii di Federici e Ligi seguono le dimissioni, avvenute qualche tempo fa, dell’assessore ai Servizi Sociali Nicola Ferrigni.

Le opposizioni accusano la presidente del municipio del Movimento 5 Stelle Castagnetta: “La verità è che la presidente è accentratrice e rifiuta il dialogo” – attacca il vice presidente del Consiglio municipale e Capogruppo della lista Marchini Roberto Martino.

Lunedi 10 aprile la commissione municipale avrà il compito di scegliere i sostituiti dei dimissionari Ligi e Federici, intanto sul tavolo del Consiglio municipale c’è – o almeno dovrebbe esserci – il progetto ‘Funivia Casalotti-Battstini’, che era stato uno dei punti cardini sul quale il sindaco Virginia Raggi aveva impostato la sua campagna elettorale, al fine di agevolare la mobilità in questo territorio.
Argomento che aveva portato diverse critiche al primo cittadino da parte dei suoi avversari politici, per un progetto considerato irrealizzabile a Roma.

A tal proposito arriva l’accusa del consigliere di Fratelli d’Italia Giovagnorio: “Ho scritto in Campidoglio perché non abbiamo neppure visto lo studio di fattibilità del progetto che sarà presentato a breve dal sindaco e dall’assessore ai trasporti di Roma Capitale Meleo.
Non abbiamo contezza di nulla”.

Adotta Abitare A

Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti