Ancora una petizione per la bonifica dell’area abbandonata di viale Tor Marancia 103

Comunicato stampa - 13 Maggio 2021

Con una lettera a funzionari ed assessori che si può firmare qui il Comitato Centro Culturale Popolare di Tor Marancia sollecita per l’ennesima volta l’amministrazione capitolina  a procedere alla demolizione dello scheletro abbandonato e a bonificare l’area degradata di via Tor Marancia 103, dove dovrà sorgere il nuovo centro culturale voluto dagli abitanti del quartiere.

 

“I fondi necessari per la demolizione e la bonifica (400.000 euro) sono stati stanziati già due anni fa. Sappiamo che il progetto per la demolizione è pronto da tempo. Durante il percorso partecipativo, gli assessori avevano assicurato che si sarebbe proceduto ad appaltare la demolizione entro la fine del 2019.  Ma siamo arrivati a maggio 2021 e ancora non vediamo il cantiere” si dice nella lettera con cui si chiede “semplicemente di mantenere una previsione già presa e confermata due anni fa”.

Nell’area dovrà sorgere il centro culturale richiesto dagli abitanti nell’ambito della consultazione per gli oneri di urbanizzazione di piazza dei Navigatori. Per quest’opera è in corso il concorso di progettazione architettonica e proprio in questi giorni, dopo ben tre dimissioni di componenti della commissione giudicatrice, dovrebbero essere proclamati i cinque progetti vincitori della prima fase. L’avvio della costruzione del nuovo centro non è attesa prima di due/tre anni e nel frattempo permane la situazione di degrado dell’area che è stata recentemente anche teatro di un tentativo di stupro.

“La realizzazione del Centro Culturale richiederà ancora del tempo per concludere la progettazione, fare gli appalti e avviare i lavori. – ricorda il Comitato – Non vorremmo che si pensi di attendere allora per provvedere alla rimozione del rudere e a liberare gli abitanti da questa degradante presenza che subiamo da troppo tempo”

 

Il testo della lettera/petizione è qui https://ccpptormarancia.wordpress.com/2020/10/14/petizione/

Adotta Abitare A

Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti