Calcio femminile, quinta vittoria consecutiva per la Roma 4-3

Battuta l'Atalanta il 15 novembre sul campo Cinecittà Bettini
di Mariella Quintarelli - 16 Novembre 2008

Il 15 novembre 2008 sul campo del Cinecittà Bettini si è giocata una di quelle partite che ti fanno riconciliare col calcio e che ti fanno capire come sia bello il calcio femminile e quanto questo non abbia nulla da invidiare al maschile, anzi…Lo spettacolo non è proprio mancato, le due squadre, Roma e Atalanta, giocano entrambe un buonissimo calcio: palla a terra e fatta girare in velocità, ottima interpretazione del fuorigioco e pressing alto, sempre pronte a scattare e a puntare la porta. L’Atalanta vista qui a Roma non merita proprio di avere solo 3 punti in classifica.
Un complimento va fatto anche all’arbitro della gara che, tranne per un paio di fuorigioco fischiati ingiustamente su segnalazioni di uno dei suoi guardalinee, ha fatto vedere come si arbitra una gara di calcio: SENZA FARSI VEDERE !
Infatti, pur essendo sempre nel vivo dell’azione, non si è mai reso “protagonista” come molti suoi colleghi, purtroppo, amano fare. Eppure in campo si è visto molto agonismo, tra due squadre combattive e grintose.
La Roma parte ben impostata, e appena dopo due minuti dal fischio d’inizio arriva il primo gol giallorosso: pressing altissimo, Mazzantini recupera palla e la gira al centro dell’area dove si trova Parejo che neanche oggi manca l’appuntamento col gol: 1 a zero.
Appena dopo 4 minuti arriva il raddoppio giallorosso di nuovo con Parejo che questa volta riceve da Pasqui proprio sul dischetto di rigore, impossibile per lei sbagliare!
I primi 10 minuti sono di ottima fattura con giocate di prima in velocità e pressing altissimo sulle portatrici di palla avversarie.
Sul due a zero la Roma cala un po’ e l’ottima Atalanta al 15’ pt ne approfitta per accorciare le distanze su calcio d’angolo. La n.10 bergamasca, Scarpellini, batte Marchitelli con un bellissimo colpo di testa: 2 a 1.
La Roma non accusa il colpo e continua a giocare con tranquillità fino all’Eurogol del 3 a 1 di Pasqui che tira al volo da fuori area sul secondo palo. Niente da fare per il portiere bergamasco che può solo raccogliere la palla in rete. Peccato non ci fossero le telecamere a riprendere il bel gesto tecnico meritevole veramente da applausi, nel maschile sarebbe stato fatto rivedere più volte nelle classifiche dei gol più belli.
La partita, però, non finisce qui, anzi si sa che i minuti più pericolosi sono quelli del recupero ed infatti al 46’ pt l’Atalanta accorcia nuovamente le distanze con la rete di Riboldi svelta ad approfittare dell’occasione capitatole dopo un’errata chiusura a centrocampo delle giallorosse con il portiere giallorosso, Marchitelli, un po’ distratto: 3 a 2.
Le due squadre rientrano negli spogliatoi per l’intervallo con due diversi stati d’animo: galvanizzate dal gol fatto le bergamasche, un po’ demoralizzate dal gol appena subito le romane.
I due allenatori, Serafini e Cola, provano a dare le giuste indicazioni alle loro calciatrici che però al rientro in campo sembrano in po’ meno in partita delle avversarie, tanto che al 15’st Scarpitelli sigla la sua doppietta personale regalando di nuovo il pareggio alla sua squadra: 3 a 3.
In questo momento la Roma mostra un po’ di vulnerabilità, tipica di una matricola, non giocando più come sa, con calci lunghi a cercare Parejo e Pasqui, non facendo più girare palla e facendo saltare tutte le posizioni in campo. Solo la grinta non abbandona le giallorosse. I due tecnici romanisti capiscono che è il momento di passare al 4-3-3 e proprio sul fischio finale arriva il gol di Serra che dà la vittoria alla Roma. La rete dopo una bella azione corale che vede Pasqui passare a Bartoli che si vede respingere dal portiere il tiro ribattuto poi in rete da una svelta Katia Serra.
Roma quindi a punteggio pieno, cinque gare fin qui di campionato, cinque vittorie, ma i due allenatori ancora non son pienamente soddisfatti: senza nulla togliere alle avversarie, non si capisce perché anche oggi la Roma abbia avuto qualche minuto di sbandamento nel corso della gara. La Roma se gioca come sa diventa veramente difficile da affrontare, da parte di qualsiasi squadra.
Da segnalare al 21’ del secondo tempo un brutto e doloroso infortunio a Bussu che ha visto “girarsi” il ginocchio destro ed è stata portata fuori in barella. Gli accertamenti verranno fatti nei prossimi giorni per valutare l’entità dell’infortunio. In bocca al lupo Eleonora!
Sabato prossimo la trasferta a casa del Venezia 1984.
Roma-Atalanta 4 – 3
Roma: Marchitelli, Bartoli, Bussu (21’ st D’Antoni), Marchio, Masia, Salesi (33’ st Olivieri), Deiana, Serra, Pasqui Mazzantini, Parejo (41’ st Volpi).
Atalanta: Filippi, Mammana (42’ st Senaroli), Catania, Spini (8’ st Benedetti), Berardi, Brasi, Bonometti, Ferrandi (24’ st Picchi), Riboldi, Scarpellini, Caio.
Marcatori: 2’ e 6’ pt Parejo, 15’ pt e 15’ st Scarpellini, 25’ pt Pasqui, 46’ pt Riboldi, 40’ st Serra.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti