Sport  

Calciomercato Roma, c’è attesa per le manovre dei giallorossi

I dirigenti si muovono con circospezione senza far trapelare le mosse della società
di Gianluigi Polcaro - 10 Giugno 2008

Adelante con judicio diceva il cancelliere Ferrer ne "I promessi sposi". La Roma del “dopo Soros” sta per riattivarsi sul mercato, e come da consuetudine, gli uomini di Rosella Sensi stanno lavorando a fari spenti soppesando qualunque movimento. L’obiettivo è capitalizzare al massimo i probabili 18-22 milioni di euro stanziati per il mercato e per fare questo dovranno muoversi con circospezione per non far lievitare i prezzi dei giocatori interessati. In tutto questo sarà importante vendere bene il brasiliano Mancini.
A tal proposito ieri (9 giugno) c’è stato l’incontro tra Branca e Pradè per la cessione di Amantino all’Inter. I nerazzurri sono disposti a prenderlo ma vogliono anche Aquilani. la Roma cercherà di trattenere il gioiellino di casa, ma se ne riparlerà dopo gli europei. Riguardo a Mancini, potrebbe rientrare nella trattativa uno tra Cruz, Suazo e Crespo, in ordine di gradimento (anche se a Trigoria non si dimentica lo smacco dell’ex cagliaritano quando Cellino la scorsa stagione lo aveva quasi venduto alla Roma).
Per Mancini si aspettano anche le mosse del Barcellona ed eventualmente del Lione, in modo da scatenare un’asta per l’esterno brasiliano.

Sul fronte Vucinic ancora non si è trovato un accordo sulla cifra da versare al Lecce per l’altra metà del cartellino. I salentini vogliono 15 milioni di euro, ma sanno che non potranno essere accontentati. Visti, però, i buoni rapporti tra le due società si troverà certamente una soluzione.

Per l’esterno sinistro difensivo, l’idea è sempre Riise del Liverpool; la Roma può arrivarci, anche se il problema è l’ingaggio. Ma non tramonta la pista che porta a Mathieu del Tolosa.

Ma i dirigenti capitolini non hanno fretta, c’è tempo per questa e per le altre trattative. Del resto anche negli anni sorsi i migliori affari li hanno conclusi addirittura ad agosto, per la “gioia” delle coronarie dei tifosi.

È certa, intanto, la cessione di Curci (in prestito o in comproprietà). Siena, Cagliari o Chievo le destinazioni. Per il suo sostituto si pensa ad Arthur dell’Ascoli.

Rimarranno ancora in provincia i giocatori del vivaio come Okaka, Galoppa, Rosi etc. Alcuni di loro saranno inseriti in qualche trattativa per arrivare agli acquisti desiderati.
A fine mese sarà tutto più chiaro.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti