Farmacia Federico consegna medicine

Cisterna Romana in abbandono al Parco Palatucci

E piazza dell'Acquedotto Alessandrino come prima, peggio di prima
Attilio Migliorato - 22 Luglio 2021

Cisterna Romana al Parco Palatucci, resisti.

Con la tua non tenera età devi dimostrare che rimarrai e non perderai nemmeno un sasso negli anni a venire.
Sarai testimone dell’incuria degli amministratori, che mesi dopo mesi, non hanno fatto nulla per sistemare di ciò che abbiamo documentato e scritto agli inizi del 2021 su Abitare A. Nulla è cambiato, anzi è peggiorato.
“NASONE”, sei rimasto l’unica cosa seria e funzionante nel piazzale dell’acquedotto Alessandrino, foto, tonnellate di immondizia, quattro schizzi di acqua dalla fontana, tutto il perimetrale divelto. “NASONE”, al tuo posto smetterei di erogare acqua, chi ti amministra non ti merita.
E che dire delle roulotte stanziali di Largo Cevasco. Ieri 21 luglio 2021, mentre andavo al quartiere Alessandrino ho incontrato due amici runners che con me hanno assistito al passaggio di una macchina della municipale che “a tutta callara” è transitata sullo sterrato del Parco Palatucci. Polvere solo polvere di terra secca ha fatto respirare a tutti, poi è passata a qualche metro dagli stanziali… ed ha anche accelerato, forse gli occupanti si sono preoccupati… del buio dell’imminente sera.
Avrei una richiesta da rivolgere ai candidati politici del prossimo ottobre, se avete idee serie e non avete intenzione di fare solo promesse, fatevi una passeggiata dalle nostre parti, senza scorta, senza cravatta, prendete l’autobus e venite a guardare e constatare di persona. E allora vedreste lo stesso degrado che sopportano i cittadini e forse vi verrebbe voglia di fare qualcosa di concreto, anche piccole cose, senza fare vuoti proclami sulla riqualificazione, anzi addirittura sulla rigenerazione delle periferie che vi apprestate a fare (stavo per dire contrabbandare) nell’imminente campagna elettorale.
Concludo con un promemoria, nella speranza che qualche aspirante amministratore legga.

Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti