Inaugurato MaMar lo spazio popolare dedicato a Marisa Marcellino

In via Grotta di Gregna 48, un luogo a disposizione dei cittadini e delle associazioni
Antonio Barcella - 27 Gennaio 2020

Il 17 gennaio 2020 è stato inaugurato lo spazio popolare MaMar, in via Grotta di Gregna 48, un luogo a disposizione dei cittadini e delle associazioni che potranno utilizzarlo liberamente per le proprie iniziative sociali, culturali, ricreative, artistiche.

L’evento è stato condotto dal professor Nicola Marcucci. Tanti gli intervenuti a partire da Antonio Barcella, Errico Bonelli, Michele Bonasia, Rossella Calzetta, Nicola Caravaggio, Alessandra Giacinti, Nilde Guiducci, Vito Meloni, Luigi Negretti Lerner, Irene Ortis, Domenico Pietrangeli, Mary Prospery, Igino Raimondi, Gianni Recchia, Elio Romano, Antonella Sassone, Mario Staroccia, Antonio Viccaro, Anna Maria Virgili e tanti altri/e.

Questa sede sociale e culturale è stata dedicata a Marisa Marcellino, donna simbolo di Tiburtino III recentemente scomparsa, una persona che è stata l’anima di tante battaglie combattute nel quartiere dove è nata e cresciuta: dal diritto all’abitare alle lotte in difesa dei più deboli. Marisa si caratterizzava per una forte umanità e per la voglia di lottare e credere in un mondo diverso.
In occasione dell’evento, è intervenuto Carlo Cellamare, docente di Urbanistica della Facoltà di Ingegneristica, che ha presentato il suo ultimo libro “Città fai-da-te“, Donzelli Editore, in cui analizza il travaglio della nostra città “tra antagonismo e cittadinanza. Storie di autorganizzazione urbana“.

Lo spazio popolare e culturale MaMar sarà anche la sede per aggregare, partecipare, fare mutualismo, individuare i problemi del territorio e agire insieme per affrontarli. Anche l’Università Popolare Michele Testa userà questo spazio per organizzare sul territorio di Roma Est laboratori di quartiere FAI-DA-TE contando su circa 70 risorse specializzati in tutto il campo culturale: dalla musica alla psicologia, dalla storia alla letteratura, dalla scrittura creativa alla comunicazione, dal sociale alla tecnologia.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti