IV Miglio. Un quartiere soffocato dal traffico di attraversamento

Un piano per alleggerire la situazione e mettere in sicurezza le scuole. Ce ne parla il Presidente del Comitato di quartiere Franco Marrocchini
a cura di A. P. - 11 Dicembre 2009

IV Miglio è uno dei più antichi quartieri del Decimo Municipio. Nato come borgata abusiva già prima dell’ultima guerra mondiale ebbe uno sviluppo rapido negli anni ’50. Il suo nome deriva dalla sua collocazione al quarto miglio della ‘’Regina viarum’’, la via Appia Antica. Stretto fra la via Appia Nuova e la via Appia Pignatelli – le ville dei benestanti stanno a ridosso dell’Appia Antica – il quartiere soffre da sempre dell’intenso traffico di attraversamento che dal quadrante Est si dirige verso l’Eur e viceversa sfruttando il reticolo di strade che attraversano il Parco dell’Appia. Con alti gradi di inquinamento acustico e atmosferico e con qualche pericolosità per una viabilità malconcepita. Il Comitato di quartiere locale sta facendo una battaglia per limitare al massimo le ricadute negative di questo problema in attesa che qualche opera infrastrutturale più adeguata, come il previsto tunnel passante sotto il Parco, possa definitivamente restituire al quartiere quel certo grado di tranquillità e sicurezza ormai divenuto un ricordo struggente degli anni in cui le automobili non si erano ancora impadronite della nostra vita. Abbiamo chiesto al Presidente del Comitato di quartiere Franco Marrocchini di parlarci di questa situazione.

Presidente Marrocchini quali sono le proposte che voi fate per attenuare le ricadute del traffico di attraversamento del quartiere?

Abbiamo richiesto principalmente i lavori per lo svincolo delle intersezioni tra l’Appia Pignatelli e l’Appia Nuova e l’inversione del senso unico di via Annia Regilla, da via Appia Nuova a via Erode Attico. In tal modo l’eccessivo traffico di attraversamento il quartiere lo subirebbe solo la mattina.

L’attuale disciplina di viabilità stradale presenta anche problemi di sicurezza per i pedoni e gli abitanti del quartiere?

Certamente, noi abbiamo gli edifici scolastici su via San Tarcisio, strada stretta a doppio senso di marcia, pericolosa per l’incolumità dei bambini. Si verificano numerosi incidenti; nell’ultimo mese ce ne sono stati tre abbastanza gravi; uno mortale non molto tempo fa. I bambini e le mamme sono costretti a camminare in mezzo alla strada.

Cosa dicono Comune e Municipio delle proposte da voi avanzate e per le quali vi state battendo da tempo?

Abbiamo avuto una serie d’incontri: con il VII dipartimento comunale, con l’Atac, il X Municipio e il Dipartimento XII. Avevamo raggiunto un accordo sul fatto che il piano presentato dall’Atac era compatibile con le strade del quartiere; non riusciamo a capire la posizione del X Municipio il quale nutre delle grosse perplessità. Il quartiere non può perdere questa opportunità che attende da moltissimi anni, siamo stanchi di questi giochetti politici.

Cosa intendete fare nei prossimi giorni per spingere le amministrazioni comunale e municipale ad intervenire concretamente?

Adotta Abitare A

Tappezzeremo tutto il quartiere con lenzuola bianche. Siamo determinati ad effettuare anche blocchi stradali. Non è possibile che per la sua storia IV Miglio sia dimenticato sia dal Comune che dal X Municipio. L’assessore Marchi è stato molto chiaro: ha ribadito che i lavori dello svincolo sulle intersezioni tra via Appia Nuova e via Appia Pignatelli debbono riguardare quattro punti fondamentali per una viabilità sostenibile all’interno del quartiere: a) svincolo; b) inversione di via Annia Regilla; c) apertura al transito veicolare di via al Quarto miglio chiusa abusivamente; d) messa in sicurezza delle scuole di via San Tarcisio.
Su tutti questi punti il Consiglio del Comitato di quartiere da me presieduto è completamente e unanimemente d’accordo.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti