La nuvola di Fuksas si innalza nel cielo di Roma

All'Eur posata l’11 dicembre la prima pietra del nuovo palazzo dei Congressi. Sarà pronto nel 2010
di A. M. - 12 Dicembre 2007

Martedì 11 dicembre è stata posata la prima pietra del futuro Palazzo dei Congressi. L’inizio dei lavori è stato inaugurato nello spazio dell’Eur antistante l’ex ministero delle finanze, dal sindaco Walter Veltroni, l’architetto Massimiliano Fuksas, Gianni Letta, il presidente e l’amministratore delegato di Eur Spa, Paolo Cuccia e Mauro Miccio, l’ assessore capitolino ai Lavori pubblici Giancarlo D’Alessandro, all’Urbanistica Roberto Morassut e alla Mobilità Mauro Calamante, oltre al presidente della Società italiana per Condotte d’acqua Spa, Paolo Bruno che si e’ aggiudicato la gara di appalto. La “Nuvola” disegnata da Massimiliano Fuksas, sorgerà su 27mila metri quadrati di proprietà di Eur Spa, tra via Cristoforo Colombo, viale Europa, viale Asia e viale Shakespeare. Sarà costituita da una membrana di materiale innovativo, sospesa in una teca di acciaio e vetro alta 39 metri, larga 75 e lunga 198.
"La Nuvola non si e’ allontanata trasportata dal vento della burocrazia – ha ironizzato il sindaco Veltroni – "Dietro ogni cosa che si fa e ogni opera che si realizza – ha precisato – c’è lavoro e fatica. “Sarà una delle opere più spettacolari di architettura contemporanea – ha concluso il sindaco di Roma – simbolo della buona architettura in tutto il mondo”.
Fuksas, ha dichiarato di aver vissuto “uno dei giorni piu’ belli della sua vita”. Un’emozione indescrivibile per lui, costruire un’opera del genere nella propria città e ha dedicato la giornata alle quattro vittime di Torino.
E’ stata anche ridefinita la mobilità, illustrata dall’assessore D’Alessandro. Con un finanziamento di 20 milioni di euro saranno realizzati due sottopassi a viale dell’Umanesimo e sarà realizzato il nuovo incrocio di via degli Oceani. A questi si aggiungeranno mille posti auto interrati sotto la nuvola e altri 1.500 a piazza Marconi. Il centro, pronto per il 2010, sarà destinato a coprire il forum di collegamento orizzontale dei vari spazi congressuali e a unire il tutto con l’auditorium. Il complesso, che ospiterà eventi differenziati, avrà una capienza di 8.500 posti suddivisi tra l’auditorium sospeso tra i 15 e i 18 metri di altezza, che accoglierà 1.842 persone, le due grandi sale congressuali, alcune sale meeting minori e uno spazio espositivo denominato “Forum”, di 6.000 metri quadri. Il nuovo polo congressuale comprenderà, anche un albergo di lusso con 439 stanze di cui sette suite e sarà servito da ristorante, bar, spazi fitness (per circa 600 metri quadri) oltre ad altre quattro salette per ulteriori 396 posti e un cocktail bar di 217 metri quadri. Il valore dell’ investimento dell’opera sara’ di 270 milioni di euro e sarà parzialmente finanziato con i fondi per Roma Capitale, per un totale di circa 87 milioni di euro.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti