Lazio-Milan 3-0: la vittoria che serviva

I biancocelesti hanno dominato conquistando una vittoria che li rilancia nella lotta per la Champions. Cronaca, pagelle, tabellino e videosintesi
Marco Savo - 27 Aprile 2021

La Lazio all’Olimpico contro il Milan è tornata a vincere ed a dominare l’avversario, come faceva prima del lockdown. La vittoria è stata netta certificata dal 3-0 finale grazie alla doppietta di Correa ed il sigillo finale di Immobile.

Fra il primo ed il secondo goal della Lazio c’è stata la reazione dei rossoneri dell’ex Pioli che più volte hanno provato a riequilibrare l’incontro, trovando davanti una difesa più attenta ed un Reina nella versione a lui più consona rispetto a quella vista all’opera a Napoli.

Sul match l’ombra di un presunto favore arbitrale in occasione del secondo goal con l’arbitro Orsato che anche al VAR non ha ritenuto falloso l’intervento di Leiva su Calhanoglu. Probabilmente un errore ma che non ha messo in discussione una vittoria strameritata anche perché a differenza di Napoli si è verificato in un momento del match in cui la Lazio più volte era andata vicina al raddoppio.

Correa in serata di grazia

La vittoria sul Milan riapre la lotta Champions con la Lazio ancora viva e pronta a giocarsi le sue carte per conquistare un posto nella prossima edizione. I Capitolini, con una gara da recuperare, ora sono a quota a 61, a soltanto 5 punti dal terzetto Napoli-Juve-Milan.

Lazio-Milan 3-0Il ricordo della disfatta di Napoli inevitabilmente ha dato una motivazione in più alla Lazio che in panchina ha ritrovato il suo condottiero Inzaghi, rientrato dal Covid.

La primissima occasione della gara dell’Olimpico è stata del Milan con Calhanoglu che ha testato i riflessi di Reina. Questa volta il portiere laziale ha risposto presente e sul ribaltamento di fronte Correa ha fatto goal.

Sotto nel punteggio la squadra dell’ex Pioli ha cercato di reagire, con la Lazio che però è stata estremamente pericolosa ogni qual volta ha avuto l’occasione per ripartire. Dopo la mezzora proprio in contropiede i padroni di casa hanno raddoppiato con Lazzari ma la rete è stata annullata per fuorigioco millimetrico dell’esterno.

Correa e Immobile legittimano la vittoria

Anche la ripresa è iniziata con il botto e con il goal del raddoppio di Correa, ancora sugli sviluppi di una ripartenza velocissima. Sulla doppietta dell’argentino le proteste dei rossoneri che hanno lamentato un fallo di Leiva su Calhanoglu a inizio azione.

Adotta Abitare A

Lazio-Milan 3-0L’episodio è stato dubbio e probabilmente senza i torti di Napoli (l’arbitro Di Bello è stato fermato per un turno dal designatore arbitrale) Orsato avrebbe anche annullato il goal della Lazio.

A prescindere dalle polemiche arbitrali la squadra di Inzaghi ha legittimato la vittoria con una altra serie di occasioni , compreso il pallonetto di Immobile che si è stampato sul palo.

Il sigillo finale alla vittoria perciò non poteva che arrivare da Immobile che al 87’ ha chiuso definitivamente la partita, con un diagonale potente e preciso che si è insaccato alle spalle di Donnarumma.

Le pagelle di Lazio-Milan 3-0

Reina 7 – La serataccia di Napoli ha inciso sul suo orgoglio tant’è con il Milan non ha sbagliato praticamente nulla, con parate importanti.

Marusic 6.5 – Nel ruolo di difensore esterno non sta facendo male. Il problema è che manca uno come lui sulla fascia sinistra, dove ora si alternato Lulic e Fares.

Acerbi 7 – Una certezza, dopo Napoli anche lui era finito nell’occhio della critica. Purtroppo non ci sarà nel prossimo match dato che era diffidato ed in questa gara è stato ammonito.

Radu 7 – Quando la Lazio è in palla come contro il Milan fra i protagonisti ci sono anche lui e la sua grinta.

Lazzari 7 – Un furetto sulla destra, proprio come lo era nella Lazio pre Covid. È andato anche in goal ma il VAR ha annullato tutto per una questione di millimetri.

Lazio-Milan 3-0Milinkovic 7.5 – In questa fase è in palla ed rappresenta l’uomo in più a centrocampo.

Leiva 7.5 – Se lui fisicamente è al top allora la Lazio va a mille, proprio come ha fatto contro il Milan. Ha recuperato un’infinità di palloni propiziando anche il raddoppio di Correa.

88′ Cataldi sv.

Luis Alberto 7 – Lo spagnolo soffre a causa di una caviglia non al top ma nonostante tutto è riuscito ad inventare calcio solo come solo lui sa fare.

88′ Akpa Akpro sv.

Lulic 6.5 – Fisicamente ha sofferto anche in questa gara ma ha offerto lo stesso una buona prestazione, grazie all’esperienza ed il supporto di Radu.

67′ Fares 6 – È entrato in campo sul 2-0, con la Lazio in pieno controllo del match.

Correa 8 – Quando è in serata è devastante, proprio il contrario di quando non lo è. Contro il Milan è stato sicuramente il migliore e non solo per i due goal segnati.

76′ Pereira sv.

Immobile 7.5 – Contro il Benevento è tornato al goal e dall’allora non si è fermato più. Nelle ultime tre gare ha messo a segno 4 reti ed il sigillo finale contro il Milano non poteva che arrivare dai suoi piedi.

88′ Muriqi sv.

All. Simone Inzaghi 7 – Le sue urla ed il suo carisma sono sicuramente mancati nelle partite precedenti. Contro il Milan dell’ex Pioli la Lazio è tornata a dominare come nell’era pre Covid ed è tornata a lottare con pieno merito per conquistare un posto nella prossima Champions League.

MILAN

Donnarumma 6, Calabria 5 (69′ Dalot 6), Kjaer 6 (73′ Romagnoli 6), Tomori 5, Theo Hernandez 5, Kessie 5.5, Bennacer 5 (69′ Tonali), Saelemekers 6 (63′ Diaz 6), Calhanoglu 5, Rebic, 5, Mandzukic 5 (63′ Leao 5). All. Stefano Pioli 5.

Arbitro: Daniele Orsato (sez. di Schio) 5.5

Lazio-Milan 3-0

Il tabellino di Lazio-Milan 3-0

Marcatori: 2′, 51′ Correa (L), 87′ Immobile (L)

LAZIO (3-5-2): Reina; Marusic, Acerbi, Radu; Lazzari, Milinkovic, Leiva (88′ Cataldi), Luis Alberto (88′ Akpa Akpro), Lulic (67′ Fares); Correa (76′ Pereira), Immobile (88′ Muriqi). A disp. Strakosha, Alia, Musacchio, Patric, Hoedt, Parolo. All. Simone Inzaghi.

MILAN (4-2-3-1): Donnarumma; Calabria (69′ Dalot), Kjaer (73′ Romagnoli), Tomori, Theo Hernandez; Kessie, Bennacer (69′ Tonali); Saelemekers (63′ Diaz), Calhanoglu, Rebic; Mandzukic (63′ Leao). A disp. Tatarusanu, Gabbia, Kalulu, Krunic, Meité, Castillejo, Hauge. All. Stefano Pioli.

Arbitro: Daniele Orsato (sez. di Schio). Assistenti: Carbone, Preti. IV uomo: Sacchi. V.A.R.: Mazzoleni. A.V.A.R.: Paganessi.

NOTE. Ammoniti: 19′ Acerbi (L), 57′ Milinkovic (L). Recupero: 1′ pt.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti