Porta Portese Est è cardioprotetto da due anni

Ieri il primo corso di aggiornamento per il corretto uso del defibrillatore nel mercato domenicale di piazza Pino Pascali 
Alessandro Moriconi - 7 dicembre 2018

Forse non tutti lo sanno, ma il mercato domenicale Porta Portese Est di piazza Pino Pascali, frequentato da migliaia di persone è cardioprotetto già da due anni attraverso la dotazione di un moderno defibrillatore e di sei operatori ben addestrati all’uso dello stesso. Questi sei addetti all’uso del defibrillatore hanno frequentato un specifico corso di addestramento al termine del quale è stato rilasciato un attestato e ogni due anni partecipano a un corso di aggiornamento, con personale specializzato, ad eventuali nuove tecniche e comunque alla ripetizione di tutte le nozioni precedentemente acquisite.

Si tratta di poche manovre da fare manualmente e con decisione sulla persona colta improvvisamente da un “arresto cardiaco“ prima di mettere in funzione e far partire in sicurezza la scarica elettrica che può garantire la sopravvivenza e il minor danno possibile, dovuto al non funzionamento del cuore e quindi all’ossigenazione del cervello, in attesa dell’intervento del 118 immediatamente chiamato ai primi sintomi del malore al cittadino.

L’operatore dopo essersi accertato che il malcapitato è privo di conoscenza e non respira, si mette in ginocchio davanti all’uomo/donna steso/a in terra a torace scoperto e parte con due cicli da 30 compressioni cadauna e la respirazione attraverso una mascherina in dotazione. il tutto in contatto diretto con la sala operativa del 118 immediatamente chiamato. L’operatore posiziona correttamente le due piastre e seguendo le indicazioni vocali della preziosa macchina, fa allontanare le persone prima di premere per la scarica e attendere le indicazioni che l’apparecchio darà.

Operazioni semplici, fatte con tempestività che faranno guadagnare minuti preziosi in attesa dell’autoambulanza. Minuti che però possono salvare la vita e comunque limitare al massimo i danni che un arresto prolungato del cuore avvengono.

La signora Marisa responsabile dell’Ags Mercato domenicale di Porta Portese Est è soddisfatta e insieme ai suoi collaboratori, Riccardo su tutti, sono pronti a continuare laddove ce ne fosse bisogno, ad utilizzare in assoluta tranquillità e perizia, il prezioso strumento salvavita.

Anche nel mercato domenicale di Porta Portese Est prosegue quindi il progetto sulla cardioprotezione attraverso la dotazione e l’uso del defibrillatore nei luoghi di maggior affluenza tra cui Uffici Pubblici, Scuole, Stadi, Palestre, ecc… un progetto che ha visto il nostro territorio tra i pionieri con la Fondazione Castelli e l’associazione Planet Onlus che hanno materialmente e generosamente donato decine e decine di defibrillatori . Iniziativa che sembrerebbe essere stata fatta propria anche dal Consiglio Comunale di Roma attraverso una delibera votata all’unanimità.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti