Recital di Lorenzo Porta Del Lungo al Casale Nardi

Sabato 18 aprile, presso la Biblioteca in Via Grotta di Gregna
di Federico Carabetta - 21 Aprile 2015

Sabato 18 aprile, presso la Biblioteca di Casale Nardi in Via Grotte di Gregna, l’Associazione Suono e Immagine Onlus ha presentato il Maestro Lorenzo Porta Del Lungo in un Recital che ha contemplato di J. S. Bach, Suite francese n°5 bwv 816; di W. A.Mozart, 12 variazioni su “Ah, vous dirai je, maman” K. 265, Fantasia IV in do min K 475; di F. Chopin, Ballata n. 4  op. 52 e di  M. Ravel Da Miroirs, Une barque sur l’Ocean.

Lorenzo Porta Del Lungo omaggiato dal pubblico

Lorenzo Porta Del Lungo omaggiato dal pubblico

L’esecuzione pianistica è stata splendida ed ha ricevuto il grande apprezzamento dai numerosi intervenuti. Ne è seguito perciò il tributo di scroscianti e lunghi applausi ad ogni brano suonato ed – al termine del programma –  una standing ovation.  Il grande compiacimento degli ascoltatori, al di là dello spessore dell’evento, ha di fatto premiato anche la sapiente e rappresentativa scelta dei brani, tutti di assoluto impegno.

Al termine della bella performance, il Maestro ha voluto farci  omaggio di un cofanetto che riteniamo prezioso. Si tratta infatti  dell’edizione speciale delle più significative esecuzioni del Maestro registrate dal vivo  dal 2009 al 2011  comprendenti musiche di Debussy, Prokofieff, Shostakovich, Shumann, Chopin e dello stesso Maestro.

In precedenza e propedeutico al recital, Sabato 11 aprile, si è svolto l’incontro Tra musica e lettura, durante il quale si sono alternati brani musicali che hanno percorso oltre cento anni di storia di composizione musicale (Bach, Mozart, Chopin e Ravel) e la lettura di passi di Manzoni, Sterne, Richter, Mozart, Beethoven, Debussy, Hoffmann, Joyce e Montale, alla ricerca di chiavi di lettura sul pensiero nuovo che gli artisti rappresentati espressero nella propria epoca.

Lorenzo Porta Del Lungo ha rivolto parole di riconoscimento alla dott.ssa  responsabile della Biblioteca di Casale Nardi Paola Turchetto e suoi collaboratori per la disponibilità e la fattiva partecipazione all’evento.Lorenzo Porta Dal LuIl pianista e compositore Lorenzo Porta Del Lungo, da anni è noto per la sua attività concertistica da solista, in duo, in formazioni cameristiche  e con orchestra in Italia ed all’estero. Si è esibito in numerosi teatri italiani fra i quali il “Valle” e l’ “Eliseo” di Roma e il “Romolo Valli” di Reggio Emilia. Il suo repertorio contempla tutte le epoche della composizione per tastiera, anche contemporanea. All’attività concertistica affianca  l’attività di ricerca: nel 1997 ha collaborato con il progetto Musis dell’Università  “La Sapienza” di Roma,  con il saggio “Musica e Società, trasformazione dell’immagine del musicista” e nel 2000 con l’Istituzione Universitaria dei Concerti con un ciclo di lezioni intitolato “Linguaggio e Immagine”.

Nel 1993, in collaborazione con la Regione Lazio, ha realizzato un progetto di diffusione della musica nei luoghi di cura, attraverso un ciclo di concerti, inaugurando una consuetudine poi proseguita negli anni seguenti.
E’ inoltre autore di lavori per pianoforte, per formazioni da camera, di trascrizioni e di musiche per il Teatro e la Televisione.

Dal 2009 è direttore artistico di Eliseo Classica, rassegna di concerti che si svolge annualmente presso il Teatro Eliseo di Roma.

L’Associazione Suono e Immagine Onlus, è scaturita dalla ricerca artistica in campo musicale condotta dal  Maestro Lorenzo Porta Del Lungo e dal 2009 persegue finalità di solidarietà sociale attraverso la cultura artistica in tutte le sue forme espressive. Dalla ricerca e nel riconoscere il ruolo fondamentale dell’arte come strumento per lo sviluppo e la crescita dell’essere umano, è emersa l’esigenza di un’associazione di promozione sociale, intesa a promuovere la diffusione della musica, della cultura e dell’arte attraverso iniziative artistico-culturali e di formazione, prevenzione e recupero nei campi socio-sanitario, psicologico, pedagogico, ambientale ed ecologico.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti