Sette richieste ai candidati sindaci per la rigenerazione urbana di Roma Capitale

Dal Coordinamento Periferie di Corviale, Statuario Tor Bella Monaca, Torpignattara e Torre Spaccata
Comunicato stampa - 26 Maggio 2016

Le periferie di Roma chiedono che vengano avviati processi incisivi per la rigenerazione urbana della Capitale e sottopongonoai candidati sindaci sei proposte da sottoscrivere. Le richieste sono state messe a punto dal Coordinamento Periferie di Corviale, Statuario Tor Bella Monaca, Torpignattara e Torre Spaccata, durante il percorso che ha portato alla costruzione del convegno CANTIERE APERTO. Periferie: adesso parliamo noi, che si svolgerà oggi pomeriggio, 26 maggio, alle ore 16.00 presso la Città dell’altra economia (Largo Dino Frisullo, Roma – Testaccio)

CorvialeIl testo è frutto di un lungo lavoro di dibattito e approfondimento, che ha coinvolto associazioni, movimenti, singoli cittadini, università e centri di ricerca, nella convinzione che per affrontare i problemi delle periferie bisogna uscire dalla logica emergenziale e sposare invece una progettualità di lungo respiro, basata sull’individuazione di un modello di sviluppo, sulla valorizzazione delle risorse spesso ignorate che nelle periferie si nascondono, e sulla partecipazione dei cittadini e delle loro organizzazioni.

Ecco una sintesi delle sei richieste

1.       Promuovere un forum dedicato alle periferie e quindi alla Rigenerazione Urbana entro la seconda decade di luglio.

2.       L’abolizione dell’Assessorato alle Periferie e la costituzione dell’Assessorato per la Rigenerazione Urbana, attraverso la realizzazione di una effettiva interdisciplinarietà, che abbia funzioni e poteri di riconosciuto coordinamento.

3.       La definizione di un nuovo organigramma dell’Amministrazione, che dia funzioni e poteri a Dipartimenti responsabili, che dovranno collaborare con chi verrà incaricato di coordinare i progetti individuati.

4.       L’attivazione di sperimentazioni nelle cinque Periferie, congiuntamente con tutti i soggetti pubblici e privati interessati, che entro un anno definiscano contenuti, scelte e procedure per avviare le attuazioni. Il cosiddetto stato avanzamento lavori dovrà avere tempi, modalità  e responsabilità note e forme di comunicazione partecipate. Va individuato un Responsabile del progetto, che abbia le competenze per coordinarlo e per seguire il suo iter amministrativo e interistituzionale.

5.       La definizione di un modello di sviluppo delle periferie, che renda protagonisti i cittadini,  le presenze territoriali e che preveda le necessarie connessioni con l’Area metropolitana, con la Regione Lazio e la governance nazionale, oltre che con i settori produttivi pubblici e privati.

Timbrificio Centocelle

6.       La sottoscrizione di un Accordo di Programma o altro atto similare, che renda procedibile il progetto condiviso tra tutti i soggetti pubblici e privati interessati.

Si rende necessaria, in questa fase di transizione, a fronte delle problematiche sulla sicurezza e la legalità nei grandi agglomerati periferici, una presenza continua di Ater-Regione e del Comune di Roma, per un’animazione sociale che faccia prevenzione del disagio e dei fenomeni che incidono sulla qualità della vita dei cittadini.


Commenti

  Commenti: 1

  1. PROGRESSO ITALIANO


    VOTA MELONI! SI, CERTO, PERCHE’? L’ASSESSAORATO CHE SI DOVREBBE FARE SAREBBE : ASSESSORATO PER LO SVILUPPO DELLE LINEE METROPOLITANE. MA IL FALSISMO DI MOLTA PARTE DEL PROGRAMMA SU QUESTO ARGOMENTO DA SETTORI DELLA SENISTRA , CENTRO SINISTRA E ANCHE LA DESTRA DI MARCHINI…PARLA SOLO DI SEMAFORI E PER NON DIRE LA RAGGI PARTLA SOLO DI FUNIVIA, OSSIA SINISTRE COME DICEVA GIACCHETTI SU SKYLINE L’ALTRA SERA: SI COMPLETANO LE METRO E POI BASTA, VIA A SOLI TRAM, PURA FOLLIA!!!! CANDIDATI A SINDACO E PER CONSIGIERI MUNICIPALI COLLEGATI SPESSO ANCHE A COMITATI DI QUARTIERE, COME PRENDI CINECITTA EST, TOR MEZZAVIA , CELIO ETC CHE VOLEVANO E SONO RIUSCITI ALCUNI DI QUESTI A BLOCCARE LA METRO ANANGNINA TORRE ANGELA ANAGNINA, E LA GENTE STIPATA COME BESTIE SUI JUMBOBUS DEL 20 EXPRESS PER RAGGIUNGERE TALI DESTINAZIONI, CERTO SI CERTO PERCHE? PERCHE CHI E’ DAVVERO DI SINISTRA , ECOLOGISTA DOVREBBE VENDERSI L’AUTO E ANDARE CON I MEZZI PUBBLICI E NON FARSI LE LEGGI PER SE E FARE CREDERE FALSE TEORIE A CHI E’ SENZA CASA E PRENDE LA METRO DA VERO ECOLOGISTA, LA SINISTRA E CENTRO SINISTRA DI STAMPO ANTI-RENZIANO , FALSO COMUNISTA E E TTALMENTE FALSA ECOLOGISTA NON VA VOTATA E’ ORA DI MANDARLI VIA COME AL SETTIMO MUNICIPIO EX CINECITTA-APPIO, DOVE SE NON SI PRESENTANO LA SECONDA VOLTA FIGLI DI EX CONSIGLIERI PER PURA IMMAGINE FALSA CI METTONO MOGLI , CUGINI, COMPAGNE COSI HANNO UN ALTRO COGNOME, E I CINQUE STELLE CHE VANNO A CONVEGNI DI QUESTI COME DI BATTISTA A UN CONVEGNO DI ESPONENTI USB ABITANTI IN TALI ZONE!!!!! BASTA CINQUE STELLE E SINISTRA CONTRO LE METRO A CASA , VIA, ESTINGUIAMOLI UNA VOLTE PER TUTTI IN TUTTI I MUNICIPI E AL COMUNE DI ROMA, CHE SI SONO INVENTATI ANCHE IL REDDITO ISEEA 15.000 EURO COSI MOLTI PENSIONATI SONO RIMASTI SENZA TESSERA PUR PERCEPENDO UNA PENSIONE DI 500 EURO, ACCENTRANDO BATTAGLIE MEDIATICHE DI IMMA BATTAGLIA, MARINO, ETC SEMPRE GLI STESSI, SI A GIORGIA MELONI E AD ASSESSORI DEL NORD ANCHE, CERTO VISTO MILANO E ‘ MILLE ANNI AVANTI ANCHE SU BERLINO E LOS ANGELES PER LO SVILUPPO DELLE METRO. IL 5 GIUGNO NESSUNO VOTO A FASSINA, GIACCHETTI RAGGI E MARCHINI, PUR RISPETTANDO BERTOLASO CHE VOLEVA ACCENTRARE E NONB DARE PIU POTERI DI PARENTOPOLI AI MUNICIPI DI ZONA, SI A GIORGIA MELONI SI!!! SPERANDO CONSIDERI BERTOLASO E LCUNI ASSESSORI DEL NNORD PER FAR EVOLVERE LA CITTA’!!!! OGGI METROPOLI ALLARGATA DI 7 DICO SETTE MILIONI DI ABITANTI!!!!!!!!!

Commenti