Sport: V municipio polo di eccellenza per il settore maschile della pallavolo giovanile

l presidente Fipav di Roma Martinelli “idea vincente. Un punto di riferimento per tanti ragazzi della nostra città”
Redazione - 29 Ottobre 2019

All’inizio di settembre 2019, quella che poteva sembrare solo un idea, o meglio un sogno quasi velleitario si è poi concretizzato. L’unione di due Società storiche della pallavolo romana, la Roma7Volley e la Pallavolo Tor Sapienza, decidono di dare vita ad un progetto che vede unire le forze per creare un polo di eccellenza giovanile maschile nel quadrante Est della Capitale.

Grazie alla collaborazione fra la Roma 7 Volley e la Pallavolo Tor Sapienza – è il pensiero del fondatore della Roma7Volley Ivano Morelli – riparte nel V municipio di Roma un bel progetto di sport, ma soprattutto di qualità per le rappresentative Under 14 ed Under 16 maschile.

Non pochi aspetti difficili si sono affrontati per realizzare il progetto, ma la forte motivazione da parte di tutti, il voler superare difficoltà e diffidenze reciproche, hanno spinto i patron delle due società sportive a concretizzare l’accordo, sostenuto anche dall’energia e tenacia di due giovani allenatori Francesco Caminiti e Silvia Platania.

Le due società, dopo anni di rivalità e di derby, abbassano gli scudi ed uniscono le forze per creare degli ambienti positivi e favorevoli alla crescita dei singoli ragazzi, creando percorsi ad hoc per ciascuno – le parole di Francesco Caminiti – è un desiderio, che almeno io, avevo da tanto tempo, ed ora serviva questa svolta, la Roma7 aveva la necessità di confermare e ampliare la sua presenza nel panorama dell’eccellenza Laziale, e il Tor Sapienza doveva dare frutto ai risultati ottenuti negli ultimi anni a livello Provinciale, Regionale e Nazionale, grazie  proprio a Silvia”.

Ed è proprio dalla dichiarazione di Silvia Platania che si evince come questo progetto sia rivolto alla crescita sportiva e personale dei ragazzi – “Il futuro sono i ragazzi cresciuti nei nostri vivai che hanno già fatto loro questo progetto con entusiasmo, e soprattutto mettendosi in gioco senza timori. La scorsa stagione noi torsapienzini abbiamo fatto una vera e propria impresa e a me, ‘giovane’ allenatrice, approdare a Bormio per rappresentare il Lazio alle finali nazionali U14, ha dato una marcia in più. Una marcia che porta la voglia di migliorare, di mettermi in gioco e perché no… ripetere l’esperienza anche in questa stagione.”

Anche Rumiana Krasteva, ex schiacciatrice del CSKA Sofia e della nazionale Bulgara negli anni 70/80, con un palmares di molti titoli vinti tra cui un Europeo, ora Responsabile Tecnico del Tor Sapienza Pallavolo, punta molto sul progetto “Ultimamente la parola ‘progetto’ nel mondo della pallavolo è stata svalutata. Io sono convinta che le collaborazioni funzionano grazie alle persone e non servono grandi proclami o dichiarazioni ad effetto, mi piace tanto la parola ‘NOI’, perché è dalle persone che nasce il tutto. Il Tor Sapienza e la Roma7, sicuramente sono agevolate dal punto di vista logistico ma la cosa più importante è che già dai primi giorni si percepisce un grande entusiasmo e partecipazione di tutte le persone coinvolte, dagli atleti ai dirigenti, dai genitori agli allenatori. Sono quindi le persone il punctum saliens del progetto e due di queste le debbo proprio nominare, i due giovani allenatori Silvia Platania (Tor Sapienza) e Francesco Caminiti (Roma 7) che con tanta tenacia e convinzione hanno portato avanti le loro idee, inseguito un traguardo, proposto e condiviso, lavorato e sofferto, hanno messo a disposizione la loro energia e il loro entusiasmo, e sempre con il sorriso…. instancabili veramente.”

Accogliamo sempre con grande soddisfazione queste sinergie – ha dichiarato Claudio Martinelli, presidente della FIPAV Roma – perché ci dimostrano che l’unione rende più forti. Il progetto giovanile tra la Roma7 e il Tor Sapienza è una condivisione di valori e di visioni tra due realtà storiche della pallavolo capitolina, a cui va l’in bocca al lupo da parte di tutto il Comitato per una stagione ricca di soddisfazioni a livello territoriale, regionale e nazionale. Oggi nasce più di un semplice progetto: questa è un’idea vincente. Sono convinto che sarà un punto di riferimento per tanti ragazzi della nostra città”.

Un progetto vincente quindi, viste le premesse e l’impegno di tutti, che potrà essere esteso in futuro anche ad altre categorie e gruppi per le due società romane, per ambire sempre più ad essere polo d’attrazione e di aggregazione per tutti quei ragazzi che vogliono affacciarsi al meraviglioso mondo della pallavolo.

           


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti