Rennes-Lazio 2-0: avventura europea al capolinea!

La Lazio è stata sconfitta dal Rennes in Francia ed è stata eliminata dall’Europa League. Cronaca, pagelle e tabellino
Marco Savo - 13 Dicembre 2019

La Lazio è ufficialmente fuori dall’Europa League e potrà concentrare tutte le sue forze sul campionato, che la vede saldamente in terza posizione.

L’obiettivo europeo non è sfumato in Francia contro il Rennes, dove la squadra di Inzaghi ha perso per 2-0, ma prima soprattutto nella doppia sfida contro il Celtic dove i Capitolini hanno rimediato due sonore sconfitte.

È un vero peccato perché la Lazio avrebbe avuto tutte le chance per arrivare fino in fondo ma purtroppo l’avventura Europea ha messo a nudo le difficoltà di questa squadra e di una panchina corta.

La testa era altrove

Nell’ultima gara del girone serviva un’impresa per passare il turno perché la Lazio oltre a vincere doveva sperare che il Cluj perdeva in casa contro il Celtic qualificato.

Un incastro di risultati quasi impossibile tant’è che la squadra di Inzaghi in campo fin dai primi minuti ha dimostrato di non credere all’impresa.

È mancato quel fuoco sacro che ad esempio ha portato i capitolini a travolgere la Juventus in campionato.

Gnagnon eroe per una sera!

Tant’è il Rennes ha avuto vita facile e con una rete per tempo ha fissato il risultato finale sul 2-0, grazie alla doppietta di Gnagnon, al 30′ ed al 87′.

Le pagelle di Rennes-Lazio 2-0

Proto 5.5 – Il portiere di riserva ha dato l’impressione di essere sempre in difficoltà

Bastos 5.5 – Fra i tre difensori schierati da Inzaghi è quello che è andato meno peggio, figuriamoci gli altri!

Vavro 5 – L’avventura europea ci ha detto che lo slovacco è un rincalzo su cui NON fare troppo affidamento.

74′ Falbo sv – Esordio fra i professionisti in una serata sfortunata.

Acerbi 5 – Anche lui stasera è andato in difficoltà. Non è stato il solito Acerbi.

Lazzari 5 – Contro la Juve è stato uno dei migliori mentre in questa gara è stato uno dei peggiori.

Parolo 5 – Il centrocampista azzurro è stato per 90 minuti in difficoltà, in balia degli avversari.

Cataldi 5 – Ha rimediato un giallo che lo terrà fuori nella prossima gara europea della Lazio, a questo punto nella prossima stagione.

Luis Alberto 5 – Il mago in questa gara non è stato particolarmente ispirato. Nella ripresa ha avuto un battibecco con il portiere avversario che gli è costata un’ammonizione immeritata.

59′ Berisha 5 – Ufficialmente è un giocatore della Lazio ma nella sua avventura a Roma non lo è stato mai.

Jony 5 – Un altro dei nuovi acquisti che sta fallendo. Finché Lulic avrà gamba e fiato difficilmente vedrà il campo in campionato.

Caicedo 5 – Non ha combinato proprio niente. Anche nel suo caso la testa è già al campionato.

Immobile 6 – Il bomber è quello che all’inizio ha provato a fare qualcosa di più ma con il passare del tempo anche lui ha mollato la presa.

68′ Adekanye sv.

All. Simone Inzaghi 5 – L’insufficienza è relativa al cammino europeo della Lazio. Ma il tecnico non può fare miracoli se chi siede in panchina non è all’altezza dei titolari. La rosa della Lazio infatti può contare su un massimo di 13 giocatori affidabili. Se in futuro si vorrà competere su più fronti si dovranno comprare giocatori veri e non più figurine.

Il tabellino di Rennes-Lazio 2-0

Marcatori: 30′, 87′ Gnagnon (R)

STADE RENNAIS (4-4-2): Salin; Boey, Gnagnon, Nyamsi, Doumbia; Da Cunha (77′ Del Castillo), Grenier, Léa Siliki (74′ Camavinga), Tait; Ghobo, Siebatcheu (70′ Niang). A disp. Mendy, Da Silva, Morel​​​​​​​, Guitane​​​​​​​. All. Julien Stephan.

LAZIO (3-5-2): Proto; Bastos, Vavro (74′ Falbo), Acerbi; Lazzari, Parolo, Cataldi, Luis Alberto (59′ Berisha), Jony; Caicedo, Immobile (68′ Adekanye). A disp. Guerrieri, Luiz Felipe, Lulic, Correa. All. Simone Inzaghi.

Arbitro: Srdjan Jovanović (SRB). Assistenti: Uroš Stojković (SRB) – Milan Mihajlović (SRB). IV uomo: Novak Simović (SRB)

NOTE. Ammoniti: 47′ Nyamsi (R), 58′ Luis Alberto (L), 58′ Salin (R), 84′ Jony (L), 89′ Cataldi (L). Recuperi: 1′ pt; 5′ st.

Rennes-Lazio 2-0


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti